Capri Watch fashion & Accessories

Ok alla legge Salvamare, possibile recuperare rifiuti in acqua

rifiuti-regina-giovanna-26maggio-1

Dopo un lungo iter legislativo, la legge cosiddetta Salvamare è finalmente realtà. La legge consente a chi trova rifiuti in mare di poterli raccogliere e portare a terra. Prima era vietato.

Ora potranno essere rimossi e depositati nelle isole ecologiche che dovranno essere approntate dalle Autorità portuali.

La legge consentirà soprattutto ai pescatori, che sempre più spesso, “pescano” rifiuti, di poterli portare a terra e consegnarli. Questo potrebbe rappresentare una grande svolta per i nostri mari.

L’Area marina protetta Punta Campanella qualche anno fa anticipò, in qualche modo, la legge Salvamare con il progetto “Remare – Una rete per il mare”, realizzato insieme alle altre Amp campane e alle cooperative di pesca con il contributo della Regione. In pochi mesi i pescherecci raccolsero 20 tonnellate di rifiuti dal mare della Campania, da nord a sud, da Pozzuoli fino al Cilento.

Ora si potranno raccogliere i rifiuti in mare regolarmente e senza problemi legali. L’importante sarà organizzare bene le Isole Ecologiche nei porti.

“Sono molto contento che la legge Salvamare sia stata approvata dal Parlamento – commenta il presidente del Consiglio comunale di Sorrento, Luigi Di Prisco -. Ricordo quando presentammo a Sorrento, presso il borgo di Marina Grande, questa proposta con l’allora ministro all’Ambiente Sergio Costa e poi con il sottosegretario Salvatore Micillo. Per ottenere risultati importanti per il nostro mare ciascuno deve fare la sua parte”.

Scarica l’app SorrentoPress per rimanere sempre aggiornato
Download on app storeDisponibile su Google Play