Capri Watch fashion & Accessories

Agricoltura sostenibile e paesaggio, premio Spiga Verde a Massa Lubrense

Massa Lubrense

Massa Lubrense conferma per il 2019 e per la terza volta il riconoscimento Spighe Verdi per l’agricoltura sostenibile ed il paesaggio assegnato dalla Fee.

Spighe Verdi è il programma della Foundation for Environmental Education, la Fondazione internazionale per lo sviluppo ambientale sostenibile che si rivolge ai comuni che intendono valorizzare e investire sul proprio patrimonio rurale, migliorando le buone pratiche ambientali.

Nel programma Spighe Verdi è centrale il ruolo che ha l’agricoltura nella difesa del paesaggio, nella tutela della biodiversità e nella produzione di alimenti di qualità. Il Comune, per ottenere la certificazione e il marchio Spiga Verde, deve seguire un rigido protocollo in cui è prevista la rispondenza a stringenti criteri di sostenibilità ambientale.

Per Massa Lubrense Spighe Verdi è una conferma, la terza, dopo le 12 Bandiere Blu consegnate dalla stessa Fee per il mare della località costiera. A ritirare il premio a Roma presso la sede della Confagricoltura dalle mani del presidente della Fee Italia Claudio Mazza, la dirigente del settore Turismo del Comune di Massa Lubrense Cristina Palumbo.

Soddisfatta il vicesindaco di Massa Lubrense con delega al Turismo Giovanna Staiano: “Per Massa Lubrense il terzo riconosceimento di Spighe Verdi e le 12 Bandiere Blu sono la conferma di essere entrati a pieno titolo nel mondo del turismo “green”, che guarda con favore al paesaggio, all’agricoltura, alla biodiversità e soprattutto alla sostenibilità ambientale di Massa Lubrense”.

Il sindaco di Massa Lubrense, Lorenzo Balducelli, alla notizia del nuovo riconoscimento dichiara: “L’anno scorso ho dedicato questo riconoscimento agli agricoltori di Massa Lubrense perché con il loro impegno custodiscono gelosamente il nostro territorio. Confermo convintamente anche per quest’anno tale dedica con un plauso particolare a quanti di essi duramente lavorano nelle zone più disagiate e impervie che connotano la parte più bella del nostro territorio”.