Capri Watch fashion & Accessories

Sequestri in 4 lidi balneari di Sorrento

stabilimenti-balneari

Sequestrate opere in difformità rispetto alle concessioni in quattro stabilimenti balneari sui cinque controllati nella zona di Marina Piccola, a Sorrento. Un’intensa mattinata di controlli e verifiche ha portato ai sigilli apposti ad una parte delle strutture affidate in concessione ai privati. Un blitz congiunto, che ha visto impegnati personale della polizia giudiziaria della Procura di Torre Annunziata, la Capitaneria di Porto di Castellammare di Stabia e la polizia municipale di Sorrento, con l’ausilio di un tecnico comunale degli uffici di piazza Sant’Antonino.

sequestro-lidi-sorrento

Cinque sono stati i lidi privati passati al setaccio dalla task force. In quattro di questi è scattato il sequestro di alcune opere realizzate in difformità rispetto al titolo concessorio. Ai titolari si contesta l’installazione di paratie lignee che di fatto creano degli spazi nuovi. I sigilli sono scattati per gli stabilimenti Peter’s Beach, Leonelli Beach, Marameo e Bagni Salvatore. La Procura di Torre Annunziata ha aperto un fascicolo ipotizzando il reato di innovazione non consentita su demanio marittimo, previsto dal codice della navigazione. Si tratta di una declinazione dell’abusivismo edilizio, nel caso in cui sia riscontrata una costruzione abusiva su demanio marittimo.

Scarica l’app SorrentoPress per rimanere sempre aggiornato
Download on app storeDisponibile su Google Play