Troppo caos, stop ai lavori per la metanizzazione

cantiere-metanizzazione-corso-italia

SORRENTO. Diventa sempre più difficile conciliare il calendario dei lavori per la metanizzazione e le esigenze di residenti e titolari di attività commerciali. A Sorrento, in particolare, nel corso degli ultimi mesi si sono registrati i problemi relativi ai cantieri del corso Italia (dove le operazioni sono state più volte interrotte a causa del rinvenimento di reperti archeologici nel sottosuolo) e lungo via Capo (qui le difficoltà sono relative alla perforazione della roccia calcarea sottostante la strada). Una serie di inconvenienti che ha comportato pesanti ritardi e la conseguente sospensione dei lavori anche a causa dell’avvio della stagione turistica.

Nel frattempo, però, in base ai programmi, gli operai dovevano spostarsi lungo via del Mare per completare la posa delle condotte da largo Parsano Vecchio verso Marina Grande. Ma anche questa fase dei lavori è stata rinviata. In un primo momento, infatti, era previsto che il cantiere doveva aprirsi il 16 marzo per completare l’intervento il 22 aprile. Poi la Cem Costruzioni, la ditta appaltatrice, ha comunicato che avrebbe avviato l’attività il 30 marzo. Poi anche questo appuntamento è saltato per cui è stato deciso di rimandare la posa delle tubature al prossimo autunno. Anche perché, come si legge nel testo del provvedimento di revoca dell’ordinanza del comandante della polizia municipale Antonio Marcia, si è tenuto conto anche “delle problematiche esternate dai residenti e dai titolari delle attività commerciali di via Marina Grande”.