Domani l’interrogatorio dei due accusati dello stupro in discoteca

violenza-sessuale

SORRENTO. Domani i due ventenni in carcere da lunedì con l’accusa di avere abusato di una studentessa americana nei bagni di un noto locale di Sorrento, compariranno dinanzi al Gip Antonio Fiorentino del Tribunale di Torre Annunziata. Francesco Franchini e Riccardo Capece, avranno così la possibilità di fornire una loro versione dei fatti per quanto sarebbe accaduto la notte tra il 27 ed 28 luglio scorso. La posizione più grave, tra le due, è quella del primo, l’ex calciatore Franchini, difeso dagli avvocati Romolo Vignola e Paolo Dell’Aquila: risponde del primo stupro, ma anche del secondo, al quale avrebbe preso parte anche il ventenne di Caserta, figlio di noti imprenditori della ristorazione.

Il centrocampista, in base a quanto fanno sapere i suoi legali, respingerà le accuse che gli vengono mosse. Con tutta probabilità, quindi, non negherà di avere fatto sesso con la giovane americana, ma puntando sul fatto che la 25enne statunitense era consenziente. Franchini, dunque, tenterà di scardinare quelle accuse messe nero su bianco nel verbale di denuncia che la vittima ha fatto redigere ai carabinieri nel pomeriggio successivo ai fatti quando, accompagnata dall’amica con la quale era in vacanza a Sorrento, si è presentata in ospedale e ha dichiarato di avere subito violenza la notte precedente, nel bagno del locale dove era andata a ballare.

Il referto sanitario non ha confermato la presenza di lesioni compatibili con un’aggressione carnale, ma i carabinieri hanno acquisito dei video registrati dalle telecamere di sorveglianza della discoteca nei quali è però filmata la fase che avrebbe preceduto il duplice stupro – durante la quale la giovane verrebbe trascinata a forza in uno dei bagni – e quella precedente la presunta violenza, ovvero il momento in cui la vittima e uno degli indagati – Franchini – si scambiano baci e carezze, effusioni alle quali la ragazza non si sottrae.

Poi però la giovane, in base a ciò che ha dichiarato ai militari, avrebbe cercato di scappare, ma Franchini non glielo ha permesso, approfittando di lei prima da solo e poi con il suo amico, Capece.

Per l’ex calciatore Franchini è la seconda volta in tre anni che si ritrova in guai seri. Già nel 2012, quando aveva 19 anni e giocava nel Sora, in serie D si è trovato ad affrontare una situazione analoga. Al seguito della squadra, infatti, si muoveva un gruppo di tifose adolescenti. Una di loro lo denunciò, raccontando alla polizia che Franchini aveva approfittato di lei. Il calciatore si ritrovò indagato per violenza sessuale su minore, ma una serie di perizie psichiatriche sulla vittima, lo scagionarono