Capri Watch fashion & Accessories

De Luca riapre nidi ed asili, ma niente feste per Halloween

asilo-nido1

“Su richiesta dei sindaci pervenuta all’Unità di crisi attraverso l’Anci, e nelle more di specifici congedi parentali per i genitori, è consentita, anche in presenza, l’attività delle scuole dell’infanzia: nidi, asili, con bambini di età compresa nella fascia 0-6 anni”. Così, a sorpresa, il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca modifica la sua ordinanza che impone la didattica a distanza per le scuole, che resta obbligatoria fino al 30 ottobre per le primarie e le secondarie.

Lo stesso governatore anticipa l’intenzione di adottare altre misure restrittive: “Probabilmente prenderemo decisioni di blocco della mobilità dopo la mezzanotte anche nei prossimi giorni. Faremo un confronto con il ministero dell’Interno e le forze di polizia perché se prendiamo questa misura occorre che ci siano i controlli e sanzioni rigorose. Quando discutiamo di blocco delle epidemie, chi diffonde l’epidemia anche non usando la mascherina deve essere considerato uno che compie un reato vero e proprio in flagranza, con tutto quello che consegue. Quando arriviamo a 1.200 contagi non si può scherzare più”.

De Luca chiarisce anche la sua posizione Halloween, “questa immensa idiozia, questa stupida americanata che abbiamo importato anche nel nostro Paese, questo monumento all’imbecillità». Anche per questo «nell’ultimo fine settimana di ottobre noi chiuderemo tutto alle 22. Siccome dobbiamo fare i conti con la realtà e sento che si stanno già preparando a fare le feste dalle 22 dell’ultimo fine settimana di ottobre si chiude tutto e sarà il coprifuoco. Non sarà consentita neanche la mobilità”.