Capri Watch fashion & Accessories

Weekend vaccinale per i ragazzi dell’Asl Napoli 3 Sud, 8mila somministrazioni

prima-vaccinata-asl-napoli-3-sud

Ha avuto un enorme successo l’appuntamento dello scorso weekend organizzato dall’asp Napoli 3 Sud per la vaccinazione dei ragazzi dai 18 anni in su. Attività che ha portato a quasi 8mila somministrazioni.

“Finalmente una giornata di festa a margine di una grande tragedia – ha sottolineato il direttore generale Gennaro Sosto -. Ecco, definirei proprio così la gioiosa partecipazione di migliaia di ragazzi al “Weekend vaccinale” organizzato dall’Azienda Sanitaria Napoli 3 Sud”.

Boom di adesioni confermato dal fatto che le seimila iscrizioni previste sono state presentate in mezz’ora. “In qualche caso le attese si sono un po’ protratte rispetto al previsto, segno di una risposta convinta da parte dei giovani che ancora una volta, come spesso accaduto dall’inizio di questa maledetta pandemia, hanno saputo in larga parte dimostrare consapevolezza del momento, senso di responsabilità e attenzione verso il prossimo – aggiunge Sosto -. A tutti loro va il mio ringraziamento. 7.997 sono state le persone a cui i vaccini sono stati somministrati”.

“Per troppi mesi hanno dovuto rinunciare a parte della loro vita con pesanti limitazioni agli spostamenti, agli incontri, alla socialità, all’apprendimento, con la paura di compromettere la salute dei propri cari, genitori, nonni, zii. Una condizione anomala da cui è possibile rientrate solo grazie al vaccino – aggiunge il diretto dell’Asl Napoli 3 Sud -. Questo il messaggio che i ragazzi, grazie alle iniziative vaccinali loro dedicate, hanno dimostrato di comprendere fino in fondo, interpretando la vaccinazione stessa come un rito liberatorio e una festa collettiva”. Per questo, se ci sarà disponibilità di vaccini, nei prossimi fine settimana si prevedono iniziative analoghe.

“Certo, il percorso è ancora lungo ma l’alba si intravede dopo il buio della notte più lunga. Una “Festa” resa possibile dalla disponibilità dei tanti operatori sanitari e non impegnati. Anche a tutti loro deve giungere un forte messaggio di gratitudine – conclude Sosto -. Naturalmente, la direzione strategica e tutto il personale Asl lavora per riproporre in tempi brevi analoghe iniziative”.