Capri Watch fashion & Accessories

Furti e aggressioni sui treni della Circum, albergatori contro Eav

circum-vigilantes

Gli albergatori di Sorrento sono stanchi: “Ormai ogni settimana i nostri turisti arrivano in hotel e ci raccontano il loro inferno. E talvolta non vogliono neppure fare la denuncia. È assurdo. Siamo anche arrivati a toccare una media di una decina di casi al mese tra furti e aggressioni”. Perché nonostante gli annunci di investimenti e rilanci, la linea calda Napoli-Sorrento della Circumvesuviana continua a somigliare a un campo di guerra.

Ce n’è per tutti i gusti. Risse tra bande di ragazzini. Furti di portafogli e cellulari. Spaccio di droghe leggere. Turisti rapinati senza scrupoli. Vagoni distrutti “solo per divertimento” da qualche teppistello. Un vero e proprio inferno che fece addirittura sbottare anche il sindaco di Sorrento, Giuseppe Cuomo che, in una lettera-bomba indirizzata al presidente dell’Eav Umberto De Gregorio, non usò mezzi termini: “È una tragedia, a bordo dei convogli si è ai limiti della legge d’impenetrabilità dei corpi”.

circum-stipata

Nonostante tutto, però, adesso si sta tentando di frenare l’escalation di microdelinquenza con un giro di vite imposto da forze dell’ordine e agenti di polizia municipale, con controlli a raffica fuori e dentro i convogli che prendono spesso le sembianze di “carri bestiame”. E tutto ciò a dispetto del famoso Campania Express, il treno messo a punto per fornire un’eccellenza tra i siti cool di Sorrento, Ercolano e Pompei, ma che non ha mai spiccato il volo per davvero, anche per i prezzi delle corse.

Fari accesi in particolare su quattro stazioni troppo spesso balzate agli onori delle cronache: Sorrento, Sant’Agnello, Meta e Seiano, la frazione chiave di Vico Equense per il traffico lungo i tornanti della Statale 145 e dove l’Eav ha deciso di concedere in locazione il casotto situato all’interno della fermata per fare cassa e che adesso diverrà addirittura un bed and breakfast.

La task force dei carabinieri ovviamente non è l’unico antidoto rilanciato a tutela della sicurezza di viaggiatori, pendolari e turisti. A Meta, l’amministrazione ha nuovamente ingaggiato i volontari dell’associazione nazionale carabinieri proprio mentre il sindaco Giuseppe Tito sta ripensando all’opportunità di rispolverare l’ormai celebre ordinanza “anti-cafoni”.

Mentre a Sorrento, come tradizione, l’arrivo dei vigili stagionali permetterà ai caschi bianchi di migliorare l’attività di repressione nelle vicinanze di piazza Angelina Lauro. Includendo anche l’accattonaggio molesto. E tutto ciò senza dimenticare la costante opera delle altre forze di polizia. Sia chiaro: c’è tanto da fare pure per quel che riguarda la tenuta delle stesse stazioni. Giorni fa a Sorrento, nell’atrio di ingresso della fermata Eav, spuntò una piscina a cielo aperto tra lo sguardo sdegnato dei turisti. Un’immagine sconcertante acuita dal ko tecnico dell’ascensore interno.

di Salvatore Dare da Metropolis

Scarica l’app SorrentoPress per rimanere sempre aggiornato
Download on app storeDisponibile su Google Play