Capri Watch, fashion accessories

Stupro turista in hotel a Meta, è guerra di perizie

tribunale-torre

Il Tribunale di Torre Annunziata nomina un consulente per dirimere i contrasti tra il perito della Procura e quelli della difesa sulle sostanze rinvenute nei capelli e nelle urine della vittima. È il nuovo atto del processo a carico dei cinque ex dipendenti dell’hotel Alimuri di Meta accusati di aver drogato e stuprato una 50enne turista britannica nell’ottobre del 2016. I magistrati hanno deciso di affidarsi ad un esperto per chiarire alcuni aspetti della vicenda che potrebbero rivelarsi decisivi per l’esito del giudizio.

Nella sua relazione e poi davanti ai giudici, Renata Borriello, docente di medicina legale presso l’università Vanvitelli di Napoli e consulente della Procura, ha spiegato che, in alcuni frammenti di capelli della vittima, sono state trovate tre sostanze: flunitrazepam, zolpidem e oxazepam. Le prime due sono benzodiazepine ipnotiche, la terza è miorilassante. Secondo l’esperta, la vittima “non ha mai assunto le sostanze prima o dopo l’evento” ed “il periodo di assunzione è compatibile con la data” del presunto stupro, ossia la notte tra il 6 e il 7 ottobre 2016.

Opinione diversa per i consulenti della difesa, secondo i quali le analisi dimostrano la positività alle tre benzodiazepine in un arco temporale che va dall’inizio di settembre a dicembre 2016 e, pertanto, “non è possibile stabilire la data certa dell’assunzione né se quest’ultima sia avvenuta in una sola circostanza o a più riprese”. Inoltre nelle urine della vittima è stato rinvenuto il temazepam, metabolita di sostanze che però non sono state rilevate nei capelli.

Il compito di dirimere la questione spetterà, quindi, all’esperto al quale, il prossimo 18 luglio, il Tribunale di Torre Annunziata conferirà l’incarico di analizzare e confrontare le risultanze delle perizie condotte dai consulenti di accusa e difesa. Sempre nel corso dell’ultima udienza, inoltre, gli avvocati hanno chiesto ai giudici di acquisire la traduzione del romanzo scritto dalla vittima alcuni anni fa, un testo in cui si farebbe riferimento a numerosi episodi di violenza sessuale.