Capri Watch, fashion accessories

Riaprono i cantieri, da lunedì stop alle auto sul corso Italia

Metanizzazione-lavori

SORRENTO. Riaprono i cantieri per la metanizzazione mentre è tutto pronto per il restyling del corso Italia. Le feste volgono al termine e ci si prepara alla ripresa delle opere pubbliche destinate a cambiare il volto della città. Da lunedì prossimo, 9 gennaio, il corso Italia chiude al traffico per consentire l’avvio della posa delle condotte del gas. Il tratto di strada compreso tra piazza Tasso e l’ingresso di Villa Fiorentino sarà interdetto h24 alla circolazione veicolare. L’ordinanza sarà varata tra oggi e domani dal comandante della polizia municipale di Sorrento, Antonio Marcia. Sempre a partire dalla prossima settimana anche via Capo sarà interessata dagli interventi per la metanizzazione. In questo caso prevista l’istituzione del senso unico alternato nel tratto dello scavo.

renderer-corso-italia

Quelli in programma nei prossimi mesi sono gli ultimi lavori previsti per il completamento della metanizzazione in penisola sorrentina. In realtà in 4 dei 6 Comuni della costiera le opere sono già ultimate ed il gas potrebbe già raggiungere la maggior parte delle abitazioni di Vico Equense, Meta, Piano di Sorrento e Sant’Agnello. Il problema è che l’Anas non ha ancora dato il via libera alla Napoletanagas per la realizzazione della condotta per l’attraversamento del ponte di Seiano. Per Sorrento e Massa Lubrense, invece, si dovrà attendere il completamento della linea lungo via Capo ed un tratto della Provinciale 7.

In primavera, quindi, i sorrentini vedranno l’ultimazione delle opere relative alla rete del metano ed al tempo stesso ritroveranno il corso Italia con un nuovo look. È stato, infatti, appaltato l’intervento per il restyling del tratto di strada compreso tra piazza Tasso e piazza Veniero. Lavori dal costo di circa un milione e centomila euro (al netto dei ribassi d’asta) che saranno eseguiti dalla ditta Parlato Costruzioni di Castellammare di Stabia. Il progetto esecutivo, elaborato dall’architetto Antonio Marino e dal suo staff, prevede un particolareggiato maquillage dell’intero tratto di strada lungo quasi 700 metri.

L’asfalto scomparirà completamente da quella che è l’attuale carreggiata per lasciare posto a basoli in pietra lavica lievemente scalpellati per garantire più grip agli pneumatici. La pavimentazione sarà sistemata a spina di pesce e leggermente inclinata verso i lati per consentire lo scorrimento delle acque pluviali verso le caditoie della fogna bianca sistemate lungo i bordi della strada. I marciapiedi, pavimentati con lastre di pietra lavica, saranno ampliati ed abbassati di quota per avere un dislivello rispetto alla sede stradale di soli 7 centimetri. L’allargamento della zona riservata ai pedoni porterà alla soppressione di quella che al momento è l’area destinata alla sosta dei veicoli. Lungo la strada troveranno posto solo alcuni stalli per il carico e scarico delle merci e per fermate di emergenza.

Previsto il ritorno delle aiuole con i tipici alberi di arance amare. Il terreno intorno alle radici delle piante sarà sormontato da una grata in ghisa chiusa da un cordolo a raso. Per quanto riguarda i lampioni, il progettista ha deciso di lasciare quelli attualmente in uso, i quali, però, saranno sistemati ai bordi dei marciapiedi secondo la nuova configurazione che andranno ad assumere. Anche le strisce pedonali saranno in pietra grazie all’alternanza tra basoli di natura lavica (quindi scuri) e quelli di origine calcarea, mentre le rampe per i portatori di handicap, sempre realizzate in pietra, saranno dotate di scanalature antiscivolo. L’abbassamento dei marciapiedi, infine, comporterà anche il rifacimento dei collegamenti tra il corso Italia ed i vicoletti del centro storico, in modo da evitare salti di quota.

“Il progetto – sottolinea il sindaco di Sorrento Giuseppe Cuomo – rappresenta uno degli obiettivi della nostra amministrazione che punta alla pedonalizzazione di questo tratto del corso Italia. Il prossimo passo è la realizzazione del percorso meccanizzato tra il parcheggio Lauro e l’area portuale di Marina Piccola”.