Capri Watch, fashion accessories

Piano di Sorrento: Picchiate per anni dal padre ottengono risarcimento

violenza-sessuale-sorrento

PIANO DI SORRENTO. Per anni ha picchiato e maltrattato la moglie e le tre figlie, arrivando a minacciarle di morte, fino a quando hanno trovato il coraggio di denunciare le vessazioni subite. Angherie che gli costano caro, anche se solo dal punto di vista economico visto che il processo penale si è chiuso con la prescrizione. Il 75enne, originario di Vico Equense ma residente a Piano di Sorrento, è stato, infatti, condannato dalla seconda sezione civile del Tribunale di Torre Annunziata a versare a due figlie un risarcimento di 110mila euro.

Nella sentenza il giudice arriva a definire la condotta dell’uomo “particolarmente ripugnante”. Stando a quanto ricostruito dagli inquirenti, l’anziano ha maltrattato per anni le figlie e la moglie. Violenze messe in atto “quasi tutte le sere” e sfociate nell’episodio del 25 febbraio del 2006 quando, in seguito all’ennesimo alterco, il 75enne colpì alla testa e scaraventò contro il muro la figlia, all’epoca reduce da un incidente stradale che le aveva causato un trauma cranico.

La giovane riportò contusioni e una sospetta lesione della testa e della spalla destra. Anche la moglie, intervenuta in difesa della figlia, subì ferite alle braccia, al polso e allo zigomo sinistro. Per quei fatti l’uomo fu condannato a un anno di carcere. Tre anni dopo la Corte d’Appello dichiarò prescritti i reati di maltrattamenti e lesioni aggravate, ma confermò il diritto delle vittime ad ottenere il risarcimento dei danni.

E così due delle tre figlie del 75enne si sono rivolte al Tribunale civile di Torre Annunziata. Secondo il giudice monocratico la condotta dell’uomo “per tutta la durata della vita matrimoniale è consistita nel tenere comportamenti violenti e offensivi ai danni della moglie e delle tre figlie”. Per questo ha condannato il padre violento a versare 50mila euro a entrambe le figlie nella loro qualità di eredi della madre, scomparsa durante il processo penale, e altri 30mila a ciascuna di loro più 15mila euro di spese processuali.