Capri Watch - Fashion Accessories

La penisola piange Mario Esposito, paladino dei diritti dei disabili

mario-esposito

I suoi limiti fisici non ne hanno mai intaccato lo spirito e l’apertura al confronto. È stato un simbolo delle lotte per superare le barriere architettoniche e un supporto efficace alle persone bisognose. La notizia della morte di Mario Esposito, avvenuta ieri, ha inondato di tristezza le pagine dei social. Mario Esposito era il presidente della commissione barriere architettoniche nel Tavolo di Concertazione del Piano sociale di Zona, di cui fu anche presidente. Dalla sua carrozzina ha combattuto battaglie decisive per l’accessibilità degli spazi pubblici in penisola sorrentina, La sua opera, intensa e determinata, ha contribuito a rimuovere tantissimi ostacoli nel cammino della disabilità.

“La notizia della morte di Mario mi rende tristissimo – dice Michele Vitiello -. Mario era il presidente della commissione barriere architettoniche nel Tavolo di Concertazione, e presidente del Tavolo prima di me. Dalla sua carrozzina ha combattuto come un leone per l’accessibilità degli spazi in penisola sorrentina, e a lui dobbiamo dire grazie, se qualcosina è migliorato, in un mare di indifferenza tra pubblico e privato. Ma soprattutto se il sociale in penisola oggi è quello che è. Mario ci mancherà, mi mancherà. E per lui continueremo, continuerò a battermi, per sensibilizzare politici e cittadini, per eliminare quelle barriere a noi spesso invisibili, che separano un disabile dalla libertà, dall’indipendenza, dai diritti. Ciao Mario – conclude Vitiello -, ciao combattente gentile!”.