Il Sorrento cade anche a Battipaglia

battipagliese-sorrento

BATTIPAGLIA. Con la grinta giusta la Battipagliese riesce a fare suo il derby–salvezza con il Sorrento dell’ex Roberto Chiancone. Sono tre le sconfitte consecutive dei costieri che non sembrano vedere la luce in fondo al tunnel. La gara è un derby a tutti gli effetti: vibrante e agonisticamente molto tirato fino al novantesimo.

Inizia bene il Sorrento che nei primi otto minuti domina il campo. Doppia occasione al terzo: sugli sviluppi di un corner, conclusione al volo di Pignatta e super risposta di De Marino, sfera che arriva sui piedi di Ferrara il cui tap in a botta sicura si stampa sulla traversa. Ancora il portiere bianconero protagonista all’ottavo quando, con un colpo di reni, devia in calcio d’angolo una conclusione velenosa di testa di Schiavone. Nel miglior momento del Sorrento, passa la Battipagliese. E’ il quattordicesimo quando sul tiro cross di Aprile si avventa come un rapace sul secondo palo Signorelli che deve solo appoggiare il pallone in porta a Lombardo ormai battuto. E’ il quarto centro stagionale per l’attaccante napoletano.

Tatticamente Condemi sistema la squadra nel miglior modo imbrigliando totalmente le ripartenze del Sorrento. Ne viene fuori un finale di tempo di chiara marca bianconera con le occasioni da gol create ma non concretizzate da Odierna, Aprile e Signorelli.

Chiancone nella ripresa spolvera Majella come supporto ad un isolato Pignatta e la musica per il Sorrento cambia. I costieri schiacciano la Battipagliese nella propria metà campo ed è ancora una volta provvidenziale De Marino al sedicesimo nel respingere una conclusione ravvicinata di Ferraro. La Battipagliese chiude in nove uomini per le espulsioni di Aprile, uno dei migliori in campo, e Pastore ma riesce ad amministrare la gara fino al fischio finale.