Capri Watch fashion & Accessories

Ultimata la vaccinazione del personale dei ristoranti della penisola sorrentina

logo-ristoratori-vaccinati

Si è conclusa ieri sera la tre giorni dedicata alla vaccinazione del personale dei ristoranti e delle agenzie di viaggio, oltre che delle guide turistiche della penisola sorrentina. Da martedì scorso, quando l’iniziativa ha preso il via, sono in totale 1.100 le dosi inoculate dalle equipe di sanitari presso l’hub allestito all’hotel Vesuvio di via Nastro Verde, a Sorrento.

Un numero inferiore rispetto alle 1.500 previste in un primo momento a causa delle minori consegne da parte dell’Asl Napoli 3 Sud, ma sufficienti a garantire il raggiungimento dell’obiettivo della campagna: immunizzare i dipendenti delle aziende coinvolte e contribuire nella somministrazione ai cittadini della costiera. L’80% dei sieri, infatti, è stato inoculato al personale delle attività aderenti ed il restante 20% alla popolazione della zona.

“Si chiude il nostro protocollo per le vaccinazioni aziendali all’Hotel Vesuvio – commenta il presidente dell’Associazione Ristoratori Penisola Sorrentina, Francesco Schisano -. È stato un grande successo. Abbiamo raggiunto tutti gli obiettivi: vaccinare il nostro personale, dare un contributo per rendere la penisola Covid free, affermare la nostra presenza sul territorio”.

Rivolgendosi ai propri consociati aggiunge: “Voglio ringraziare ognuno di voi per l’impegno e la collaborazione nella realizzazione di queste giornate vaccinali. Così come è doveroso ringraziare Gianni Mormile, Vittorio Acampora e Salvatore Palmieri per le attrezzature, la famiglia Acampora per la disponibilità della struttura, Peppe Coppola per il suo aiuto e il Comune di Sorrento per il supporto in ogni fase del protocollo. Un grazie particolare allo staff di Bourelly per la grande professionalità con cui ha somministrato i vaccini”.

Alle aziende della ristorazione che hanno partecipato è stato anche inviato il logo speciale dell’iniziativa, che vuole essere un messaggio rassicurante per i clienti dei locali (foto in alto).