Capri Watch fashion & Accessories

SMS truffa in costiera sorrentina, allarme Adiconsum

truffe-telefonate-cellulari

L’Associazione a tutela dei consumatori Adiconsum Penisola Sorrentina – tramite il referente territoriale Pierluigi D’Apuzzo – invita i cittadini a porre molta attenzione ad una nuova pericolosa truffa. Molti utenti stanno infatti segnalando la ricezione di un messaggio – che apparentemente proviene da Poste Italiane o da altri istituti bancari – nel quale viene comunicato che c’è un’anomalia sul conto. Viene poi chiesto di cliccare su di un link pericoloso. Il messaggio recita quanto segue: “Gentile cliente, risulta un anomalia sul suo conto, la invitiamo a verificare al seguente link”. Alla fine del messaggio c’è il link sul quale si dovrebbe cliccare. Ovviamente si tratta di una truffa per cui non si dovrà mai cliccare sul link in oggetto.

Poste Italiane e diversi Istituti bancari finiti nel mirino dei malintenzionati non hanno nulla a che vedere con tali pratiche illegali in quanto non utilizzano tali canali per inviare comunicazioni agli utenti chiedendo poi dati sensibili. Il problema è che se si clicca sul link contenuto nel messaggio, si viene indirizzati su una pagina fake che sembra identica a quella del proprio Istituto di credito ma non lo è. All’interno della pagina, poi, si trova un testo informativo che esorta l’ignara vittima a compilare un apposito modulo dedicato per non andare incontro al falso blocco del proprio conto o carta di credito.

La pratica appena descritta è annoverabile tra i tentativi di phishing o pesca a strascico, nello specifico si tratta di smishing. Un tentativo di truffa realizzato attraverso l’invio di messaggi a nome di enti affidabili e finalizzato a carpire i dati personali della vittima per scopi illeciti, come rubare denaro. Il termine smishing scaturisce dall’unione delle parole “SMS” e “phishing“. Quest’ultimo identifica una particolare frontiera delle frodi informatiche che fa uso delle email per ingannare gli utenti della rete, convincendoli a fornire informazioni personali, dati finanziari o codici di accesso, fingendosi anche in questo caso, un ente affidabile.

Per evitare di trovarsi coinvolti in spiacevoli situazioni, bisogna diffidare da richieste di dubbia provenienza, rifiutandosi di cliccare sui link contenuti nelle comunicazioni e non fornendo mai informazioni personali come PIN, password, username ecc.
In particolare, i messaggi in questione recitano testualmente:
Gentile cliente,
Abbiamo rilevato un accesso anomalo al suo conto. Accedi al seguente link per la convalida:
Segue il link malevolo.
Oppure
“Poste Info. Gentile cliente, risulta un’anomalia sul suo conto, la invitiamo a verificare al seguente link: https…”. Poste Italiane.

Il destinatario di questo messaggio è effettivamente titolare del conto corrente, pertanto può essere facilmente colto dalla tentazione di cliccare sul link, soprattutto perché il testo di messaggio è allarmante e prefigura ciò che tutti noi temiamo: un accesso anomalo al conto corrente da parte di malintenzionati. Ricordiamo che gli istituti di credito non richiedono mai ai propri clienti alcun tipo di credenziale, tanto più per via telefonica. Pertanto, se doveste ricevere questo SMS sospetto, cancellatelo immediatamente e segnalatelo come spam. Nell’individuazione del tentativo di frode, spesso la grammatica può rivelarsi un prezioso alleato, infatti gli autori dei testi il più delle volte non possiedono una buona padronanza della lingua italiana.

Scarica l’app SorrentoPress per rimanere sempre aggiornato
Download on app storeDisponibile su Google Play