Capri Watch fashion & Accessories

Più di 2mila contagi in costiera, reparto Covid all’ospedale di Sorrento

Sorrento_ospedale

Riaprono lunedì le scuole a Meta e Vico Equense. Almeno secondo le previsioni. Le ordinanze dei sindaci Giuseppe Tito e Peppe Aiello, gli unici in penisola sorrentina ad aver firmato provvedimenti di questo tipo dopo lo stop del Tar a De Luca, sono efficaci fino a domenica. Ciò non toglie che si potrebbe andare anche oltre nonostante i richiami del prefetto di Napoli, Claudio Palomba, e le minacce di denunce che arrivano da associazioni e genitori. Decisioni sulle quali peserà l’incidenza dei contagi nei giorni a venire.

A Vico Equense, dove sono previsti due open day pediatrici durante le prossime due domeniche, proprio ieri è stato diffuso un nuovo report dal quale emergono 321 nuovi contagi in 8 giorni. “Ad oggi – spiega il sindaco Aiello – i cittadini attualmente positivi al Covid-19 sono 534, con un aumento di 291 sulla settimana precedente, una media di circa 40 nuovi casi ogni giorno”.

Non va meglio a Meta dove attualmente si contano 320 persone alle prese con il Covid, vale a dire il 4 per cento della popolazione. Tra questi ci sono 41 studenti e 12 tra docenti e personale Ata. “Si tratta dei numeri più alti della penisola sorrentina”, chiarisce il sindaco Tito. Fatto sta che da lunedì si torna in classe (senza servizio mensa), anche se il primo cittadino non nasconde che “se avessi un bambino tra 0 e 5 anni in questo momento non lo manderei a scuola perché non è protetto”.

La sua amministrazione ha comunque acquistato 10mila mascherine Ffp2 da distribuire a studenti ed insegnanti e previsto con il responsabile Covid dell’Asl Napoli 3 Sud, Antonio Coppola, un open day per la vaccinazione pediatrica il 29 e 30 gennaio in modo da garantire il richiamo ai bambini che hanno ricevuto la prima dose tra fine dicembre ed il giorno dell’Epifania. Martedì e mercoledì, invece, si procederà ad immunizzare gli studenti del liceo Marone, poi giovedì sanificazione degli ambienti e rientro in classe da venerdì, magari prevedendo orari di ingresso scaglionati.

Il Comune della Costiera che conta il numero più elevato di positivi è Piano di Sorrento, dove sono 547, con 200 nuovi contagi solo tra domenica e mercoledì. In ambito scolastico, su 900 studenti risultano 29 casi, ai quali si sommano 3 insegnanti ed un amministrativo. Dati che non gravano sulla regolarità delle lezioni. A Sant’Agnello, invece, proprio ieri è stata disposta la Dad per una classe della primaria dopo che un insegnante ed un alunno hanno contratto il virus. In città al momento si contano 304 positivi, con un incremento di 80 casi rispetto ad appena tre giorni fa.

Numeri stazionari a Sorrento dove sono 273 i positivi tra i quali 8 bambini da 0 a 5 anni, 17 ragazzi dai 6 ai 13 anni e 25 nella fascia 14-20 anni. A Massa Lubrense, infine, l’ultimo report del sindaco Lorenzo Balducelli diffuso ieri evidenzia la presenza di 209 positivi in città. Da questa serie di dati emerge che nei sei Comuni della penisola sorrentina sono attualmente 2.187 le persone costrette a fare i conti con il virus, anche se, per fortuna, sono pochissimi i casi di ospedalizzazione.

A questo proposito è arrivata ieri la decisione dell’Asl Napoli 3 Sud di riconvertire provvisoriamente il reparto di Chirurgia del Santa Maria della Misericordia di Sorrento in reparto Covid.

Scarica l’app SorrentoPress per rimanere sempre aggiornato
Download on app storeDisponibile su Google Play