Capri Watch fashion & Accessories

Pesci sotto misura e privi di tracciabilità, 600 kg sequestrati in costiera

guardia-costiera-22521-2

Oltre 600 chilogrammi di prodotti ittici posti sotto sequestro. È il bilancio dell’attività condotta l’altro giorno dalla Capitaneria di Porto di Castellammare di Stabia a Sorrento ed in costiera. I militari erano impegnati in una vasta operazione di controllo del territorio per la tutela della salute pubblica e dei consumatori e per monitorare la filiera della pesca seguita al sequestro di 2 tonnellate di pescato in un centro ittico di Sorrento dove sono state comminate anche sanzioni per 26mila euro.

Nel corso di queste ulteriori verifiche gli uomini della Guardia Costiera hanno fermato tre furgoni di aziende della penisola sorrentina. Dai controlli del carico è emerso che venivano trasportati oltre 6 quintali di prodotti ittici privi di etichettatura utile per la tracciabilità ed anche sprovvisti di documenti di accompagnamento per stabilire la destinazione finale.

Come se non bastasse sono stati rinvenuti anche prodotti sotto misura. Si tratta di 6 pesci spada e 5 tonni rossi. Per quest’ultima specie in particolare la cattura al momento è anche vietata. La legge, infatti, prevede che i tonni rossi possano essere pescati solo nel periodo compreso tra il 16 giugno ed il 14 ottobre.

Al termine delle verifiche gli uomini della Capitaneria di Porto stabiese agli ordini del comandante Achille Selleri hanno elevato sanzioni amministrative per la mancanza di documentazione utile per la tracciabilità e rintracciabilità del pescato e per la detenzione di tonno e pesce spada sotto misura. Tutto il pescato è stato posto sotto sequestro.