Capri Watch fashion & Accessories

Il Nobel Haroche tra i vincitori del premio “Capo d’Orlando”

Castello-Giusso

VICO EQUENSE. Sarà Serge Haroche, premio Nobel per la Fisica nel 2012, l’ospite d’onore della diciannovesima edizione del premio scientifico internazionale “Capo d’Orlando” organizzato dal Museo Mineralogico Campano – Fondazione Discepolo. Il riconoscimento, che si avvale del patrocinio del Comune di Vico Equense, dell’Azienda Cura, Soggiorno e Turismo, dell’università Federico II, della Regione Campania con il contributo dell’Istituto Banco di Napoli fondazione, sarà attribuito nello storico Castello Giusso venerdì 5 maggio, alle ore 18.

Nel corso della manifestazione, si alterneranno conferenze e interventi dei premiati delle varie sezioni, a partire proprio da “Fisica quantistica: curiosità e potenzialità”, di cui parlerà per l’appunto lo scienziato francese Serge Haroche che insieme a David Windeland ha ricevuto l’ambita onorificenza per le loro ricerche sulle interazioni tra luce e materia, aprendo le porte a una nuova era di sperimentazione. Grazie ai loro studi e alle loro tecniche in futuro si potrebbero costruire i computer quantistici. In particolare il Nobel a Haroche è stato assegnato per “aver dimostrato l’osservazione diretta di particolari particelle quantistiche senza distruggerle”.

A ritirare le targhe d’argento raffiguranti un pesce fossile del cretaceo rinvenuto circa duecento anni fa a Capo d’Orlando, interverranno anche altre personalità. Per la sezione dedicata alla “Divulgazione” sarà premiato Bruno Arpaia, scrittore e giornalista. Il riconoscimento per la sezione “Management culturale” andrà invece a Mauro Felicori, direttore della Reggia di Caserta. Per la “Comunicazione Multimediale” il premio sarà consegnato a Luca Paolazzi del centro studi di Confindustria. Il riconoscimento per “Scienza e Industria” sarà ritirato da Luigi Lazzareschi, amministratore delegato Sofidel SpA.

La manifestazione sarà coordinata da Manuela Arata, ideatrice del “Festival della Scienza” di Genova e presieduta da Gaetano Manfredi,rettore dell’università Federico II di Napoli. Il Premio “Capo d’Orlando” è intitolato alla località di Vico Equense dove nel XIX secolo furono rinvenuti pesci fossili del cretaceo ora esposti in vari musei europei.

Scarica l’app SorrentoPress per rimanere sempre aggiornato
Download on app storeDisponibile su Google Play