Capri Watch fashion & Accessories

Housing sociale di Sant’Agnello, ancora problemi per gli assegnatari

complesso-edilizio-sequestrato-sant'agnello

Con il dissequestro disposto dal Riesame sembrava avviarsi verso una positiva conclusione la vicenda del complesso di edilizia sociale di via Monsignor Bonaventura Gargiulo, a Sant’Agnello. Per i 53 assegnatari degli appartamenti si profilava la fine di un incubo iniziato nel mese di febbraio dell’anno scorso quando la Procura della Repubblica di Torre Annunziata ha disposto l’apposizione dei sigilli alle palazzine appena poche ore prima che venissero consegnate.

Ora, però, si apre un nuovo capitolo della querelle giudiziaria. Anzi due. C’è, infatti, il ricorso presentato contro la decisione del Riesame presso la Cassazione da parte della Procura di Napoli legato al fatto che il dissequestro sarebbe avvenuto in base al reato di lottizzazione abusiva contestato agli indagati solo lo scorso 6 maggio.

Intanto la Procura oplontina ha chiesto un nuovo sequestro per il reato di abuso d’ufficio rigettato dal Gip. Decisione sulla quale è chiamato ad esprimersi ancora una volta il riesame.

Come se non bastasse ci sono ulteriori problemi per gli assegnatari. Con il dissequestro il complesso di housing sociale è tornato nella disponibilità della Shs srl la società che ha realizzato gli immobili, ma la consegna ai promissari acquirenti non si concretizza. In base a quanto riporta oggi il Mattino nessuna banca si sarebbe dichiarata disponibile fino a questo momento a concedere i mutui necessari a ratificare i preliminari di vendita.