Capri Watch fashion & Accessories

Da domani il Premio Di Giacomo a Sant’Agata sui due Golfi con riconoscimenti a Maurizio de Giovanni ed Antonello Perillo

maurizio-de-giovanni

Sant’Agata sui due Golfi, dopo la forzata sospensione del 2020, anche per il 2021 celebra il poeta e scrittore Salvatore Di Giacomo. L’evento quest’anno approda alla XX edizione. La manifestazione, ideata e realizzata fin dal 2001 dalla Pro Loco Due Golfi, presieduta da Donato Iaccarino, con la collaborazione di Alfonso Iaccarino, patron del ristorante stellato “Don Alfonso 1890”, vuole ricordare il massimo poeta napoletano, divenuto santagatese d’adozione avendo frequentato l’amena località collinare del Comune di Massa Lubrense per numerose villeggiature all’inizio del Secolo scorso.

In questa edizione i riconoscimenti verranno attribuiti allo scrittore Maurizio De Giovanni e al giornalista Antonello Perillo, Caporedattore Centrale Responsabile Tgr Rai della Campania.

antonello-perillo

La cerimonia di premiazione in programma venerdì 27 agosto prossimo, alle ore 20.30 nella piazza di Sant’Agata sui due Golfi, dove, negli anni Trenta del Secolo scorso, si intratteneva ogni giorno “Don Salvatore”.

Maurizio de Giovanni
Maurizio de Giovanni è nato nel 1958 a Napoli, dove vive e lavora. Ha pubblicato tre serie di genere giallo e noir: quella con protagonista il commissario Ricciardi, ambientata nei primi anni Trenta, che conta dodici romanzi e da cui è stata tratta la serie tv “Il commissario Ricciardi” con protagonista Lino Guanciale; quella dei Bastardi di Pizzofalcone, ambientata nella Napoli contemporanea, finora composta da dieci romanzi, da cui è tratta la serie televisiva omonima con Alessandro Gassmann e Carolina Crescentini trasmessa da Rai Uno; nel 2018, invece, è stato pubblicato il primo libro della serie dedicata a Sara Morozzi dal titolo “Sara al tramonto”, a cui seguono “Le parole di Sara” (2019), “Una lettera per Sara” (2020) e “Gli occhi di Sara” (2021). Il personaggio di Sara, inoltre, compare nel libro “Sbirre” (2018).
Altre opere dell’autore sono “Il resto della settimana”, “I Guardiani” e numerosi racconti tra cui si ricordano in particolare quelli con protagonista l’assistente sociale Mina Settembre: “Un telegramma da Settembre” e “Un giorno di Settembre a Natale”. A questi ultimi racconti è ispirata la serie tv “Mina Settembre”, con protagonista Serena Rossi, andata in onda su Rai Uno nel 2021. Con “Il metodo del Coccodrillo” nel 2012 ha vinto il Premio Scerbanenco. Maurizio de Giovanni ha scritto anche per il teatro, adattando “Qualcuno volò sul nido del cuculo” di Kesey e “American Buffalo” di Mamet, e realizzando i testi originali di “Ingresso indipendente” e di “Il silenzio grande”. Il 25 giugno 2019 è stato pubblicato il libro che vede l’uscita di scena del commissario Ricciardi dal titolo “Il pianto dell’alba. Ultima ombra per il commissario Ricciardi” (Einaudi Editore). A fine agosto 2019 è stato pubblicato “Dodici rose a Settembre” (2019, Sellerio Editori Palermo), il primo romanzo completamente dedicato al personaggio di Mina Settembre a cui seguono “Troppo freddo per Settembre” (2020) e “Una sirena a Settembre” (2021) pubblicati da Einaudi Editori.

Antonello Perillo
Caporedattore Centrale Responsabile Tgr Rai della Campania. Antonello Paolo Perillo è nato a Napoli il 29 giugno 1961. Giornalista professionista dal 1988, ha mosso i primi passi giornalistici nelle redazioni dell’agenzia di stampa Rotopress, del settimanale Napoli Oggi e del quotidiano Il Giornale di Napoli. Già direttore dei servizi giornalistici dell’emittente televisiva “Canale Otto”, ex collaboratore di varie testate nazionali (tra le quali i quotidiani Il Tempo e Il Mattino) nel 1992 ha vinto il primo premio nazionale culturale “Grimaldi Ausonia” per il settore radiotelevisivo, grazie ad una serie di reportage effettuati all’estero. Entrato in Rai nel 1992, è conduttore del Tg Campania ed ha condotto da studio per diversi anni le edizioni mattutine del TG1 e del TG2 prodotte dalla redazione di Napoli, nonché, per sette edizioni, la trasmissione Neapolis, rubrica nazionale pomeridiana di Rai 3 dedicata alla promozione delle nuove tecnologie. Dal 18 febbraio 2013 è il Caporedattore Centrale Responsabile alla guida della Tgr Rai della Campania. Dal gennaio 2017 è il curatore della rubrica nazionale della Tgr “Mezzogiorno Italia”, racconto del Sud, in onda il sabato su RaiTre alle 13:25. Curatore dello Speciale Tgr “Illuminare le Periferie” realizzato in collaborazione con Rai per il Sociale, trasmesso a diffusione nazionale su RaiTre il 19 giugno 2021 e presentato al Festival del Sociale della Rai a Spoleto.

premio-di-giacomo

Salvatore Di Giacomo (13 marzo 1860, Napoli 5 aprile 1934) iniziò a trascorrere le sue vacanze estive a Sant’Agata sui due Golfi nel 1909 dopo una visita “culinaria” alla pensione-ristorante Iaccarino, fondata e gestita da Don Alfonso Iaccarino, nonno dell’attuale patron del Don Alfonso 1890. “Don Salvatore”, come era amichevolmente appellato dalla popolazione locale, fu folgorato dalla cucina di Don Alfonso (il Nonno) e dall’aria fine della zona collinare di Massa Lubrense. Difatti già dalla fine di giugno vi si trasferiva per fuggire, come diceva lui, dall’afa opprimente di Napoli, intrattenendosi sul posto fin dopo ferragosto. Lasciò Sant’Agata sui due Golfi, per non farvi più ritorno, nell’estate del 1930, colpito da un malore. Fece scalpore, per quei tempi, l’arrivo in paese di un’ambulanza che lo trasferì a Napoli, dove morì il 5 aprile del 1934. Personaggio amato e rispettato a Sant’Agata sui due Golfi, ove la sua costante presenza ha lasciato ricordi indelebili nella popolazione locale, soprattutto fra coloro che ebbero il piacere di conoscerlo.

La serata condotta dal giornalista Peppe Iannicelli, quest’anno sarà caratterizzata da un velo di tristezza per l’assenza di Franco Simioli, instancabile animatore della manifestazione, recentemente scomparso. Il Premio, un bassorilievo in ceramica raffigurante Don Salvatore sulla piazza di Sant’Agata, realizzato dall’artista ceramista Raffaele Mellino, sarà consegnato alla presenza del sindaco, Lorenzo Balducelli, dal presidente della Commissione, Antonino Cuomo e da Donato Iaccarino, fondatore ed artefice principale del Premio.

La manifestazione vivrà un prologo domani sera, giovedì 26 agosto, alle ore 21, presso la Villa Cerulli di via Reola con il concerto lirico-sinfonico “Gran Galà Omaggio a Enrico Caruso” che vedrà esibirsi la Grande Orchestra “Bulgaria Classic” diretta dal maestro Leonardo Quadrini.

Download on app storeDisponibile su Google Play