Capri Watch fashion & Accessories

Caos Circumvesuviana, i portavoce M5S scrivono ai ministri Toninelli e Lezzi

caos-circum

Riceviamo e pubblichiamo l’appello dei portavoce del Movimento 5 Stelle ai ministri Toninelli e Lezzi in merito al caos che affligge l’Eav-Circumvesuviana ed ai disagi patiti quotidianamente dai viaggiatori.

LETTERA APERTA AI MINISTRI TONINELLI E LEZZI

Scriviamo non come portavoce del M5S ma piuttosto come cittadini stanchi e disillusi da anni di promesse mai mantenute. Sappiamo che la responsabilità dei Trasporti Eav è di competenza regionale ma vogliamo sottolineare che prima di essere campani siamo cittadini italiani ed il governo centrale non può e non deve restare sordo o indifferente al nostro enorme disagio quotidiano. La preghiamo per questo sig. ministro Danilo Toninelli e sig.ra ministra Barbara Lezzi di ascoltare quanto vogliamo riportare al fine di prendere opportuni provvedimenti.

Le criticità dei collegamenti in penisola sorrentina sono ormai note: un’unica strada tortuosa, la SS 145, che bisogna assolutamente alleggerire dalle colonne di bus turistici, tir, van/auto NCC, e da tutto il conseguente traffico proveniente dal napoletano. Escludendo quelle poche corse via mare effettuate per collegare la penisola sorrentina o meglio Sorrento con Napoli, l’unica alternativa resta la linea circumvesuviana Eav (Ente Autonomo Volturno).

Il nostro disagio come residenti in penisola sorrentina si estende e ci accomuna ai residenti di un territorio molto più vasto che coinvolge tutta l’area servita dalla linea Circumvesuviana. Teniamo a precisare che l’area di utenza della Circumvesuviana attraversa una delle zone a maggiore densità di popolazione del territorio italiano per cui il suo malfunzionamento arreca notevole danno soprattutto a tutta la popolazione locale, alle migliaia di lavoratori e studenti pendolari ma anche ai numerosissimi turisti in visita da Napoli a Pompei e Sorrento, i quali non possono che protestare contro un disservizio “indegno” anche per quei paesi che ci permettiamo di definire “Terzo Mondo”.

Il M5S in penisola sorrentina sta cercando in tutti i modi di far comprendere quanto sia fondamentale investire in questa tratta ferroviaria per risolvere i problemi derivanti dal traffico, tra i quali l’inquinamento da smog e quello acustico, si potrebbe così facilitare una mobilità efficiente e sostenibile, adeguata a criteri di green economy e che possa definirsi environment friendly.

La linea ha purtroppo molte criticità, a cominciare dalla inadeguatezza e scarsa manutenzione degli elettrotreni. In quelli più datati, quando piove, le diffuse perdite e sgocciolamenti costringono le persone a ripararsi addirittura con l’ombrello… uno spettacolo indecoroso per gli ospiti che giungono in penisola sorrentina, annoverata tra le mete turistiche più gettonate d’Italia, e a Pompei, uno dei siti archeologici più visitati al mondo. I nuovi elettrotreni (per modo di dire) sono molto più piccoli, poco funzionali, con andatura a scatti e con un numero di posti insufficiente rispetto a quello dei passeggeri, costretti in piedi e pressati fino all’inverosimile.

Attualmente la situazione è resa ancora più critica per i lavori relativi alla posa del secondo binario fino a Castellammare di Stabia (da Pompei a Sorrento ce n’è uno solo). Tali cantieri stanno rallentando gli elettrotreni che impiegano almeno 1h 15’ per colmare la distanza fra i due capolinea di circa 50 chilometri, con evidente disagio per tutti gli utenti.

Gli elettrotreni ormai quasi sempre in ritardo, spesso si guastano. Tanto per citare l’ultimo caso eclatante: Un Etr bloccato in galleria ha costretto i viaggiatori al rientro a piedi. Purtroppo non è la prima volta. I vagoni spesso costipati fino all’inverosimile per la scarsità delle corse, frequentemente ed inaspettatamente soppresse, inoltre non è prevista in essi adeguata allocazione di bagagli o bici.

La mancanza di personale nelle stazioni rende spesso impossibile fare il biglietto, ulteriore disagio soprattutto per i turisti disorientati. Le stazioni poi sono un’altra ferita aperta, luoghi fatiscenti e abitualmente abbandonati a se stessi in cui la sicurezza è in sostanza sconosciuta, la vigilanza inesistente, in molte di esse non c’è accesso per le persone con disabilità anzi spesso è già difficile accedere con un passeggino.

La lista potrebbe continuare rasentando paradossalmente incredulità di chi non ha mai preso la Circumvesuviana …a costoro non possiamo che suggerire “provare per credere”. E dire che solo qualche decennio fa la nostra Circumvesuviana era una linea all’avanguardia, invidiata da molte realtà urbane italiane e non…Corse con frequenza di 15-20min e con collegamenti “direttissimi” Sorrento-Napoli in 45min.

Non abbiamo bisogno di fare accuse o puntare il dito verso questo o quell’amministratore, dirigente o presidente… i risultati di una evidente incapacità a gestire questo servizio, di vitale importanza, sono da anni sotto gli occhi di tutti ma nessuno può (o vuole?) fare nulla. Concludiamo chiedendo a voi ministri che rappresentate “il Governo del Cambiamento” di non ignorarci come hanno fatto tutti gli altri finora.

Fabio Aponte
Tatiana Di Maio
Fabio Galano

Scarica l’app SorrentoPress per rimanere sempre aggiornato
Download on app storeDisponibile su Google Play