Capri Watch fashion & Accessories

Campania da oggi in zona bianca, le principali novità

banchetto-covid

La Campania si è svegliata in zona bianca. Da oggi le limitazioni sanitarie saranno ancora più lievi e questo spinge le istituzioni a chiedere ancora maggiore attenzione nella lotta al virus, perché la corsa contro la malattia non è ancora vinta, e non è il caso di rischiare di perderla a qualche centimetro dal traguardo.

Ristoranti. Da oggi sarà possibile stare tutti allo stesso tavolo anche in gruppi immensi, ma sarà necessario prenotare all’aperto. Anche le limitazioni per l’interno dei ristoranti sono modificate con l’avvento della zona bianca: al chiuso ogni tavolo potrà ospitare fino a sei commensali, che è già un buon compromesso rispetto ai quattro imposti fino ad ora, soprattutto se poi, all’aperto, il numero non ha limitazioni.

Coprifuoco. Con la zona bianca cade anche il coprifuoco, niente più imitazioni d’orario per il popolo della movida notturna. Buone notizie per i locali, che hanno sofferto in modo particolare le limitazioni sanitarie; ancora qualche tempo d’attesa, invece, per le discoteche nelle quali non si può ancora ballare ma solo ascoltare musica.

Mascherine. L’ingresso in zona bianca non modifica in nessun modo l’obbligo delle mascherine che vanno tenute sul volto anche all’aperto fino a quando non ci saranno decisioni sull’utilizzo delle protezioni da parte del Governo.

Spostamenti. Consentiti tra le regioni in “zona bianca” (cioè tutt’Italia tranne la Val D’Aosta); permesso recarsi nelle seconde case; permangono le limitazioni alla presenza nella stessa vettura di persone non appartenenti allo stesso nucleo familiare: chi guida dovrà stare da solo sui sedili anteriori.

Matrimoni. Nessun limite di invitati ai ricevimenti. Obbligo, però, per tutti di essere in possesso di un green pass o di un certificato analogo (vaccinazione o tampone recente) che attesti la negatività al Covid-19.