Calvario Circumvesuviana, il post di una viaggiatrice di Sorrento

circumvesuviana_disagi

Uno degli argomenti sui quali siamo chiamati a soffermarci più spesso come testata giornalistica online della penisola sorrentina è la disastrosa situazione della Circumvesuviana. Un bollettino quotidiano di disservizi che si arricchisce di continuo. Eppure, come si suol dire, al peggio non c’è mai fine. Lo conferma ciò che è stato vissuto ieri dai viaggiatori.

Per descriverlo riportiamo il post, diventato virale in poche ore, pubblicato su Facebook da Emma Innacoli. Non bisogna aggiungere altro.

Ieri è stata una giornata veramente nera nella storia della Circumvesuviana: il problema non è il cambiamento climatico e i disastri che provoca, il vero problema è che questa Azienda deve imparare l’elementare, basilare, irrinunciabile principio del RISPETTO UMANO!!!
Si pensino dei Corsi e dei testi per fare comprendere a dirigenti, tecnici, personale viaggiante e non che CI VUOLE RIGUARDO PER I VIAGGIATORI! I VIAGGIATORI SONO PERSONE!
Viaggio in Circumvesuviana da 50 anni, e non ho mai mai mai viaggiato senza biglietto, anzi, non ho mai mancato di rispetto a nessuno dell’Azienda, nutrendo considerazione e gratitudine per tutti coloro che vi lavorano ( specialmente il personale della Stazione di Sorrento che, in un periodo della mia vita, consideravo AMICI!).
Ma non posso più tollerare la DISORGANIZZAZIONE e, più e più e più ancora, L’IRRESPONSABILITÀ, LO SCARICABARILE, L’INTERNA OMERTÀ, LO SGARBO E L’IRRIGUARDOSA STRAFOTTENZA che oramai sono norma nel trattamento che, noi viaggiatori, riceviamo tutti i giorni tra Porta Nolana, Piazza Garibaldi e sui treni che tutti i giorni e tutto il giorno presentano gravissimi disservizi!!!
Una cosa sono le problematiche strutturali, gestionali e tecniche, ben altra è l’attenzione alle minime regole di civile sollecitudine che dirigenti e personale TUTTO devono ad un POPOLO DI VIAGGIATORI che abita uno dei territori più densamente popoloso D’ITALIA!!!
Così come il Capitano di una Nave, anche i conducenti, i capotreni, i capostazione, il personale di biglietteria DEVE e SEMPRE SEMPRE SEMPRE :INFORMARE I VIAGGIATORI CON VERITÀ E TEMPESTIVITÀ DEGLI ACCADIMENTI CHE FUNESTANO DA DECENNI IL REGOLARE SVOLGIMENTO DEI SERVIZI E ADOPRARSI AFFINCHÉ TUTTE LE FORZE DELLA REGIONE CAMPANIA POSSANO COADIUVARE L’AZIENDA EAV NEL TROVARE PRONTE SOLUZIONI AI PROBLEMI CHE QUOTIDIANAMENTE OSTACOLANO L’ESISTENZA DI TANTI CITTADINI CAMPANI!!!
Siamo lavoratori, studenti, viaggiatori!!! Siamo PERSONE!!!
Abbiamo sacrosanto DIRITTO al RISPETTO!!!
RISPETTO: è questo che devono imparare il dottor De Gregorio, i responsabili del movimento, i conducenti e tutti i dipendenti dell’Eav!!!
Ed è ora che impari questo anche il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca: la Circumvesuviana è parte della nostra vita! La Circumvesuviana ci permette di studiare, di laurearci, di trovare un lavoro, di mantenerlo, di RIMANERE COLLEGATI AL MONDO!!!!!
Quando si cancella una corsa, quando si cancella l’attenzione CANCELLANDO COSÌ CIASCUNA ESISTENZA “VIAGGIANTE” si rischia un posto di lavoro ( a me accadde…) si ritarda una laurea, si procura scompiglio a una famiglia, si mette una persona in una situazione di momentaneo pericolo ( a me è successo tante volte in stazioni solitarie…), si obbligano persone in difficoltà a spese impreviste ( e quando gli studenti i soldi in tasca non ce li hanno!!!!!!!!!!!!!!).
Questo moltiplicato al paradosso.
Ieri sera ho visto un giovane uomo, stremato di fatica, coprirsi il viso col cappuccio della felpa AVEVA LE LACRIME AGLI OCCHI DALLA STANCHEZZA!!!
E il Capostazione non è neanche venuto in treno a rassicurarci che saremmo tornati a casa: LUI SE NE PRENDEVA LA RESPONSABILITÀ!!!
Non è più possibile accettare questo trattamento: come se noi avessimo la grave colpa di dover arrivare al lavoro, di dover tornare a casa, e loro ci facessero un grande favore!
Se il presidente De Luca ha avuto ( e i risultati dicono che ha fatto bene!) tanta attenzione alla sua gente durante la fase acuta della pandemia “PERCHÉ TERRITORIO PIÙ DENSAMENTE POPOLATO D’ITALIA” , deve averne anche e soprattutto riguardo al movimento e agli spostamenti, soprattutto in ossequio e osservanza del principio di cautela che impone di non congestionare di traffico la zona vesuviana!!!
E anzi : LE CORSE INIZIANO TROPPO TARDI E TERMINANO TROPPO PRESTO!
Il TURISMO E I TURISTI poi, sono solo un corollario che aggiungono surreale VERGOGNA alla nostra sovrappopolata, irraggiungibile, inviaggiabile, vesuviana TERRA!!!

Scarica l’app SorrentoPress per rimanere sempre aggiornato
Download on app storeDisponibile su Google Play