Un nuovo lido ed un albergo di lusso a Marina d’Aequa

marina-d'aequa

VICO EQUENSE. Otto locali a servizio dei pescatori già costruiti sul molo, mentre si prevede la realizzazione di uno stabilimento balneare sulla scogliera. Intanto un albergo di lusso è stato già completato nella piazzetta principale del borgo di Marina d’Aequa grazie alla ristrutturazione di un vecchio edificio abbandonato. Sono le principali novità in cantiere per rilanciare la principale zona di attrazione turistica di Vico Equense. Alcuni interventi sono già stati realizzati, mentre altri sono in attesa di autorizzazioni.

Nell’ambito del maxi-progetto di ammodernamento della banchina voluto dal Comune sono stati edificati, entro lo scorso dicembre, otto locali per la pesca: cinque per il deposito delle attrezzature, uno per la cella frigorifera e la macchina per la produzione del ghiaccio, uno riservato all’impianto per l’aspirazione e stoccaggio di olii esausti e scarichi di sentina, l’altro per servizi igienici e spogliatoi. Altri lavori hanno riguardato l’ampliamento e la messa in sicurezza del tratto iniziale del molo, la pavimentazione con il basolato in pietra lavica, l’impianto di illuminazione dell’intero e la creazione di una rete di distribuzione idrica-elettrica attraverso colonnine posizionate a bordo banchina per la fornitura dei servizi.

Ulteriori novità potrebbero riguardare la scogliera accanto al molo. Una richiesta di rilascio di concessione demaniale marittima è stata presentata dalla ditta Palazzo Murrano sas ma il via libera da parte del Comune non è ancora arrivato. Il progetto presentato prevede la realizzazione di uno stabilimento balneare con un tavolato in legno e alcuni manufatti, rimovibili, con funzione di reception, bar e spogliatoi. Sulla realizzazione dello stabilimento l’opinione pubblica è divisa tra quanti lo considerano un miglioramento in termini turistici e di immagine e chi, invece, non tollera un’ulteriore sottrazione di area pubblica per fini privati.

L’ultima novità riguarda la piazzetta del borgo marinaro dove oggi ha sede un albergo di lusso in luogo di una palazzina che fino alla scorsa estate versava in uno stato fatiscente, abbandonata per decenni. I lavori di ristrutturazione ad opera del privato sono cominciati lo scorso mese di luglio e, in pochi mesi, è stata realizzata una struttura ricettiva che ha contribuito a ridare la giusta immagine alla marina d’Aequa.

Per ciò che concerne gli arenili, nel territorio di Vico Equense tre sono le spiagge pubbliche affidate a terzi: “Pezzolo” e “Calcare” presso la Marina di Aequa, “Postali” al borgo marinaro di Vico. Le tariffe per i residenti sono state fissate dal Comune: chi vorrà usufruire della sdraio dovrà pagare 1,50 euro, 3 euro per il lettino, 2 per l’ombrellone, 6 per la cabina e 50 centesimi per la doccia calda. Le tariffe per i non residenti saranno stabilite dai gestori secondo i criteri del libero mercato. Le concessioni sono partite lo scorso anno ed hanno durata triennale.