Capri Watch, fashion accessories

Treni guasti e poco personale, Eav cancella 30 corse

sciopero-bianco-circum

Quella di ieri è stata l’ennesima giornata di caos in Circumvesuviana a causa di treni guasti e carenza di personale. I disagi maggiori per l’utenza sono stati avvertiti nel primo pomeriggio, quando al terminal di Porta Nolana non c’erano convogli disponibili a portare i viaggiatori ed i turisti a destinazione. E ciò ha provocato proteste vibranti. Per calmare i pendolari si è reso necessario l’intervento dei militari dell’Esercito. Ed oggi non si può escludere che il copione si ripeta.

A provocare i problemi la concomitanza di due fattori: il numero insufficiente di addetti per coprire i turni e la mancanza di materiale rotabile, che costringe ad usare sempre gli stessi vecchi e fatiscenti treni. E così, ieri, si è arrivati alla soppressione di oltre trenta corse ed al guasto di un convoglio, dal quale è uscito del fumo che ha fatto temere un altro incendio.

Andiamo per ordine. In Circumvesuviana mancano sia i capitreno che i macchinisti. I primi dovrebbero essere 130, invece sono 100; i secondi dovrebbero essere 150 e sono 120. Così si ricorre in modo continuo allo straordinario, ma quando poi arrivano anche le ferie ed i permessi organizzare i turni di esercizio diventa un rebus. I funzionari tentano di incastrare gli orari nel migliore dei modi, ma se manca il personale l’unica strada percorribile è la cancellazione delle corse. È successo soprattutto domenica, ma anche ieri quando le oltre trenta cancellazioni sono state dovute anche alla scarsa affidabilità dei treni.

La carenza di materiale rotabile, infatti, continua a preoccupare. I tecnici fanno del loro meglio, ma i treni sono troppo vecchi e i guasti sono all’ordine del giorno. Nel pomeriggio il tabellone completamente vuoto che indicava i convogli in partenza da Napoli ha mandato su tutte le furie gli utenti. Sono intervenuti i militari dell’Esercito ma, soprattutto, due treni last minute dalla provincia, subito attrezzati e inviati di nuovo verso Sarno e verso Sorrento. Così la folla si è placata.

Nei vagoni spesso manca l’aria condizionata, altre volte, invece, le carrozze vengono danneggiate dai vandali. Domenica in occasione della prima vera giornata da mare della stagione sono stati staccati 170 bordi sensibili (le guaine di gomma attaccate alle porte).