Successo per la XXVI edizione del trofeo Eduardo De Martino

barche-marinaPiccola1

SORRENTO. Volge al termine anche quest’anno la tre giorni dedicata al Trofeo “Eduardo de Martino”, una delle regate più importanti del Sud Italia. L’evento, giunto alla sua ventiseiesima edizione, si è riconfermato un vero e proprio spettacolo per gli amanti del mare e della vela.

A contendersi il prestigioso trofeo sono giunte trentasette imbarcazioni (di cui ventisette a vela latina) da Campania, Puglia, Sicilia e Calabria.

Ormeggiate nel porto di Sorrento, le numerose barche d’epoca a vele spiegate hanno offerto un colpo d’occhio straordinario. La manifestazione ha avuto luogo nello specchio d’acqua antistante la penisola sorrentina e ha attratto centinaia di turisti e curiosi, oltre che ad appassionati di vela latina.

Nella sezione gozzi ha trionfato il Don Giovanni, seguito dal S.M.Lauro e dal S.Rosa; tra i gozzetti ha, invece, prevalso Zaira, piazzatosi al primo posto.

Alla Kermesse ha partecipato anche l’otto metri Stazza Internazionale “Italia”, che nel 1936 conquistò l’oro alle olimpiadi disputate a Kiel. Dichiarata nel 2002 “imbarcazione di importante interesse storico” dal Ministero dei Beni Culturali, la barca è stata restaurata proprio quest’anno (due anni di lavori coordinati dallo stesso Ministero) e riportata al colore originale, il nero.

Proprio l’imbarcazione Italia ha scalato il gradino più alto del podio nella classe “regate”; secondo posto per Finimondo, terzo per Aquila.barche-marinaPiccola2

Anche quest’anno, inoltre, la manifestazione è stata l’occasione per ricordare la figura di GiovanniGiò GiòAntonetti, avvocato, skipper e cultore delle tradizioni marinaresche, tragicamente scomparso a maggio dell’anno scorso.

Più di un quarto di secolo è trascorso, dunque, dalla prima edizione del trofeo, ma lo spirito di lealtà e gli alti valori di partecipazione sono rimasti integri negli anni. 

Merito degli organizzatori che continuano a promuovere la passione per la gloriosa storia marinara della penisola sorrentina. Una storia che mai potrà essere dimenticata finché eventi del genere continueranno a ricordare le tradizioni della nostra terra.

di Giuseppe Morvillo