Capri Watch fashion & Accessories

Scooter lanciato in un dirupo alla Regina Giovanna

regina-giovanna

SORRENTO. Gang di teppisti in azione ai Bagni della Regina Giovanna. Nel tardo pomeriggio di ieri ignoti hanno lanciato lo scooter di un bagnante in un dirupo. La zona, di elevato pregio ambientale, è anche sottoposta a vincoli archeologici per la presenza dei resti di una dimora romana di epoca imperiale risalente al primo secolo dopo Cristo. Per questo motivo è interdetta al transito di auto e scooter. Non si può escludere, quindi, che il ciclomotore lanciato dal costone sia stato scelto a caso non tanto per colpire direttamente il proprietario, ma per dare un segnale a quanti si ostinano a raggiungere il sito con le moto nonostante i divieti presenti sulla strada di accesso alla Regina Giovanna.

Per recuperare il motociclo, che rischiava di cadere in mare, o peggio, di finire sui bagnanti, si è reso necessario l’intervento dei vigili del fuoco del distaccamento di Piano di Sorrento che hanno dovuto faticare non poco per assicurarlo con dei cavi e riportarlo sul sentiero in modo da riconsegnarlo al proprietario. Sul posto anche i carabinieri della compagnia di Sorrento.

Un episodio che va ad aggiungersi ai continui furti denunciati dai bagnanti che frequentano gli scogli della Regina Giovanna. Per questo si chiede di attivare una maggiore vigilanza del sito dove si registrano anche episodi vandalici ai danni dei reperti archeologici e le numerose segnalazioni di bagnanti e turisti che lamentano il via vai di scooter lungo la piccola strada che conduce al mare.

Proprio in seguito alle continue lamentele l’amministrazione comunale di Sorrento è intenzionata ad imprimere un giro di vite in tempi brevi. “Insieme al consigliere che si occupa dei Servizi Sociali, Federico Cuomo, stiamo limando i dettagli per attivare un servizio di guardiania presso questo sito dall’enorme valore storico-paesaggistico – spiega l’assessore Mario Gargiulo -. Attività che dovrebbe prendere il via già dalla prossima settimana e che, oltre a bloccare in via definitiva l’accesso a scooter ed auto alla zona, dovrebbe consentire anche di arginare i furti e gli atti vandalici che da sempre si verificano nei mesi estivi”.