Capri Watch, fashion accessories

Questa notte torna l’ora solare, orologi indietro di un’ora

ora-solare

Questa notte alle 3 dobbiamo passare le lancette degli orologi indietro di un’ora perché si lascia l’ora legale e subentra quella solare. Con questo cambio di orario, dormiremo un’ora in più, ma avremo un’ora in meno di luce. Con il ritorno all’ora solare, da domani il sole tramonterà un’ora prima.

In realtà l’ora solare che subentra questa notte è quella naturale, mentre il passaggio “artificiale” è quello all’ora legale, introdotta per motivi di risparmio energetico e che ritroveremo l’ultima domenica di marzo, esattamente il 26 marzo 2017.

Secondo quanto rilevato da Terna, la società che gestisce la rete elettrica nazionale, durante il periodo di ora legale, iniziato il 27 marzo 2016, grazie proprio a quell’ora quotidiana di luce in più che ha portato a posticipare l’uso della luce artificiale, l’Italia ha risparmiato complessivamente 573 milioni di kilowattora (552 milioni di kWh il dato del 2015), un valore pari al consumo medio annuo di elettricità di circa 210 mila famiglie, per un controvalore pari a circa 90 milioni di euro.

L’ora legale è quella in vigore nel fuso orario al quale un Paese decide di convenzionarsi e durante il periodo estivo uno Stato può decidere di aderire alla convenzione e spostare avanti di un’ora le lancette degli orologi. Dove viene utilizzata l’ora legale, il termine ora solare si riferisce al periodo invernale.

In Italia l’ora legale fu introdotta come misura di guerra nel 1916, poi più volte sospesa e ripresa. Dal 1996 tutti i Paesi dell’Unione Europea, più la Svizzera, adottano lo stesso calendario per l’ora legale, nonostante le polemiche di alcuni Stati membri.