Capri Watch, fashion accessories

Metanizzazione, entro fine anno il gas nelle prime case

cantiere-metano

SORRENTO. Entro la fine del 2016 quattro dei sei Comuni della penisola sorrentina potranno disporre del metano, almeno in larga parte del loro territorio. L’annuncio arriva direttamente dalla Napoletanagas, l’azienda che in partnership con Seteap (il consorzio formato dagli enti locali della costiera) sta eseguendo le opere per portare il gas nelle case e presso le aziende del comprensorio.

La condotta principale in media pressione di circa 28 chilometri parte dall’impianto di prelievo, riduzione e misura di Castellammare di Stabia, appositamente potenziato, ed arriva fino a Massa Lubrense. La costruzione di questa conduttura è pressoché terminata: fanno eccezione un tratto di circa 200 metri per l’attraversamento del ponte di Seiano, nel territorio di Vico Equense, ed ulteriori 1.200 metri circa ancora da ultimare tra i Comuni di Sorrento e Massa Lubrense (corso Italia, via Capo ed una parte della Provinciale 7).

Con la posa del tratto di condotta di attraversamento del ponte di Seiano, per il cui completamento si attende l’autorizzazione da parte dell’Anas, sarà possibile mettere in gas il centro storico del Comune di Vico Equense, Meta, Piano di Sorrento e Sant’Agnello. “I lavori – fanno sapere dall’ufficio stampa della Napoletanagas – dovrebbero completarsi entro un mese dal rilascio dei permessi, presumibilmente tra la fine di novembre o dicembre sarà possibile usufruire del servizio. Mentre per la messa in gas dei Comuni di Sorrento e Massa Lubrense, si dovrà attendere la fine del 2017”.

Metanizzazione-lavori

In particolare, per quanto riguarda Sorrento, lo stato di avanzamento dei lavori ha raggiunto il 75 per cento del progetto approvato. La dilatazione dei tempi di esecuzione delle opere è dovuta principalmente a due fattori: da un lato il rispetto del timing imposto dall’amministrazione e legato alla stagione turistica, che obbliga a concentrare gli interventi esclusivamente nel tardo autunno ed in inverno, dall’altro ai rinvenimenti di reperti archeologici di epoca romana nel sottosuolo del centro storico.

Il prossimo 7 novembre, però, riapriranno i cantieri che consentiranno di completare gli interventi, presumibilmente, entro la fine del prossimo anno. “In contemporanea con le opere per la metanizzazione – spiega il sindaco, Giuseppe Cuomo – realizzeremo anche il previsto progetto per il restyling del corso Italia, con la nuova pavimentazione ed il rifacimento dell’arredo urbano”.

Nei Comuni di Piano di Sorrento e Sant’Agnello, invece, la realizzazione della rete di distribuzione del gas è già terminata, mentre si stanno ultimando le attività di cantiere a Meta e Massa Lubrense, dove si prevede termineranno entro la fine di ottobre.

Parallelamente alla costruzione della rete, Napoletanagas ha realizzato oltre 11mila nuovi punti-gas per soddisfare le richieste di allaccio pervenute dai residenti nei sei Comuni della penisola sorrentina. Si tratta delle condotte in media pressione (da 0,5 bar) che trasportano il gas dagli impianti di riduzione intermedi fino ai clienti finali. La costruzione di queste reti ha raggiunto una lunghezza complessiva di circa 163 chilometri.

La metanizzazione della penisola sorrentina rappresenta un’opera imponente dal costo totale di 27,7milioni di euro, sovvenzionata al 50 per cento da contributi europei e per l’altra metà grazie agli investimenti della Napoletanagas e dei Comuni costieri attraverso Seteap.