Massa Lubrense, raccolta differenziata sulle spiagge e pulizia dei fondali

bidoni-rifiuti-puolo

MASSA LUBRENSE. Nuove postazioni per la raccolta differenziata sulle spiagge di Massa Lubrense e la partecipazione ad un bando dell’Area metropolitana di Napoli per la pulizia dei fondali. Sono gli l’ultimi provvedimenti dell’assessore all’Ecologia del Comune costiero Nunzia Sonia Bernardo.

Per la raccolta differenziata sulle spiagge, dopo la nostra sollecitazione di qualche giorno fa legata alle segnalazioni dei lettori, sono già stati installati bidoncini colorati per lconsentire ai bagnanti ed ai diportisti di depositare i rifiuti a Marina della Lobra ed a Marina di Puolo. Nei prossimi giorni saranno sistemate ulteriori tre postazioni a Marina del Cantone, due nelle aree di spiaggia libera e una nella piazza delle Sirene. Per Marina del Cantone l’operazione di svuotamento sarà effettuata in collaborazione con il Consorzio AmoNerano.

spazzamare-punta-campanella

Si tratta di iniziative che si sono rese necessarie al fine di assicurare il decoro delle spiagge ed anche per dare un forte segnale didattico ai cittadini invitandoli alla differenziazione dei rifiuti anche in spiaggia. Per la installazione delle mini isole ecologiche l’assessorato all’Ecologia del Comune si è avvalso della preziosa collaborazione della società Terra delle Sirene ed in particolare della direzione tecnica di Antonino Di Palma.

Sul fronte della pulizia dei fondali di Massa Lubrense, invece, il Comune ha partecipato ad una manifestazione di interesse dell’Area Metropolitana di Napoli che mette a disposizione dei comuni costieri la somma massima di 10mila euro. Il provvedimento è stato ideato in prima persona dal consigliere metropolitano Giuseppe Tito, sindaco di Meta, che ha ricevuto la delega alle coste dal sindaco metropolitano Luigi De Magistris.

L’attribuzione dei fondi al Comune di Massa Lubrense porterà alla pulizia di un tratto di costa con la collaborazione dell’Area marina protetta di Punta Campanella presieduta da Michele Giustiniani e diretta da Antonino Miccio. Una collaborazione non solo istituzionale ma che tiene conto del fatto che il Parco ha una notevole esperienza sul campo ed è attrezzata con un battello spazzamare e con imbarcazioni di supporto al lavoro dei subacquei in modo da liberare i fondali dai rifiuti accumulatisi nel tempo.