Capri Watch fashion & Accessories

Marcia indietro di De Luca, ok all’asporto

pizza-asporto

Ok al cibo d’asporto, niente fasce orarie per passeggiare e via libera alla possibilità di correre. Il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, fa marcia indietro dopo un summit con la task force e i rappresentanti delle Camere di Commercio della Campania per affrontare la questione della vendita con asporto. Incontro che ha portato il presidente della Regione a rivedere le sue scelte e decidere per la riapertura all’attività dell’asporto.

Via libera condizionato al rispetto di precisi parametri: il servizio viene svolto sulla base di prenotazioni telefoniche o online, il banco vendita sarò posto all’ingresso dell’esercizio commerciale, i gestori sono responsabili del distanziamento sociale e anche di quello di eventuali rider per il delivery, è assolutamente obbligatorio l’uso da parte del personale di mascherine e guanti, il mancato rispetto delle norme comporterà la chiusura per una settimana del locale.

“È un atto di fiducia sul senso di responsabilità di tutti – spiega De Luca -. Rimane l’obbligo per ognuno di contribuire alla non diffusione dell’epidemia. Si farà alla fine della prossima settimana una verifica. Eventuali comportamenti errati porterebbero alla revoca di queste decisioni”.

Dopo il vertice, De Luca ha allentato anche altre misure di sicurezze, eliminando le fasce orarie in cui era consentita l’uscita dei cittadini. “Rimane in vigore la fascia oraria tra le 6 e le 8:30 del mattino che viene riservata a quanti intendono svolgere attività sportiva anche con corsa veloce e senza mascherina (jogging), rispettando comunque il distanziamento sociale”.

L’unità di crisi regionale ribadisce inoltre che sono consentite le attività di manutenzione e rimessaggio e anche la consegna delle imbarcazioni e trasmette al Governo il parere favorevole della Regione allo svolgimento degli allenamenti del Napoli Calcio purché vengano garantite pienamente tutte le esigenza di tutela sanitaria. “Per correttezza di rapporti – è scritto in una nota – la Regione ha inteso inviare preventivamente al Governo questa valutazione, sollecitando ad horas la condivisione, per poter consentire la ripresa dell’attività già da lunedì”.