Allarme furti, controlli tra gli immigrati e presso i compro oro

ladro

Massa Lubrense. “Ladri, cessate di agire e se siete stranieri è meglio che facciate le valigie e torniate da dove siete venuti: qui non c’è posto per voi”. Un avvertimento perentorio, indirizzato agli autori dei furti che nelle ultime settimane stanno creando allarme nella zona della costiera sorrentina. In particolare, l’area più flagellata sembra quella di Massa Lubrense, dove si contano già numerosi raid in diverse frazioni del vasto territorio comunale.

Proprio nel tentativo di arginare la criminalità dilagante in quella che nel 2007 è stata premiata come la città più sicura d’Italia, alcuni residenti hanno deciso di attivarsi per raccogliere segnalazioni, anche con foto e video che documentino movimenti sospetti, in modo da aiutare le forze dell’ordine nell’individuare i criminali. È con questo spirito che su Facebook è nato il gruppo “Sgominiamo i ladri da Massa Lubrense” che in pochi giorni ha raccolto già 400 iscritti.

Le gang che imperversano nella zona, secondo i promotori dell’iniziativa, “stanno terrorizzando Massa Lubrense, creando danni economici e morali, impaurendo i bambini e gli anziani, massacrando una città che fino a pochi anni fa era tranquilla e mettono a rischio il turismo, vale a dire una fonte economica primaria per la nostra comunità”.

carabinieri_notte

Insieme ai cittadini si mobilitano anche le forze dell’ordine. Allo scopo di arginare la preoccupante escalation criminale è stata aumentata la vigilanza in tutto il territorio peninsulare, con un’attenzione particolare per l’estremo lembo della costiera sorrentina. Attività che vede impegnati in prima linea i carabinieri della compagnia di Sorrento. I militari del capitano Marco La Rovere stanno passando al setaccio il territorio di Massa Lubrense, dove è presente la più numerosa colonia di immigrati dall’Est Europa.

È tra di loro, infatti, che, secondo le ricostruzioni effettuate dagli investigatori, si nasconderebbero gli autori dei raid. Una conferma alle ipotesi degli inquirenti è arrivata qualche giorno fa, quando gli uomini dell’Arma hanno denunciato Y.H., un 40enne cittadino ucraino residente a Massa Lubrense, che risulta essere disoccupato, per il reato di furto in abitazione. Stando agli elementi raccolti dai carabinieri l’uomo sarebbe il responsabile di almeno due colpi tra quelli messi a segno negli ultimi tempi, compreso il furto che ha fruttato il bottino più consistente: 7mila euro in gioielli ed oggetti d’oro sottratti da un’abitazione del centro.

In base alle ricostruzioni dei militari, i ladri si muoverebbero in zona senza destare particolari sospetti tra la popolazione proprio in quanto residenti stabili. In questo modo possono osservare i movimenti delle potenziali vittime e scoprire le loro abitudini. È così che sanno quando le abitazioni sono vuote e possono agire indisturbati. In genere, come hanno potuto verificare gli investigatori, i furti vengono commessi in tarda serata, tra le 22 e le 24, quando gli occupanti gli appartamenti sono fuori casa. In genere, il raid si conclude nel giro di pochi minuti: i ladri raccolgono tutto ciò che trovano a portata di mano e si dileguano.

Gli uomini dell’Arma, quindi, sono al lavoro per individuare i responsabili dei furti ed anche i ricettatori che consentono loro di disfarsi rapidamente del bottino. Negli ultimi giorni sono stati avviati controlli presso tutti i compro oro della penisola sorrentina. Vengono analizzate le transazioni effettuate dai commercianti per risalire ad eventuali acquisti di refurtiva. Da indiscrezioni raccolte presso fonti vicine ai responsabili delle indagini sembrerebbe che a breve siano previsti ulteriori sviluppi