Abbattuto l’ecomostro di Alimuri, video

Processed with Moldiv

VICO EQUENSE. È rimasto solo un cumulo di pietre, di detriti e di macerie a testimoniare la presenza di uno dei monumenti dell’incuria umana verso la tutela dell’ambiente. L’ecomostro di Marina di Alimuri, che per oltre cinquant’anni ha deturpato e segnato in modo indelebile il paesaggio costiero della penisola sorrentina, ora non c’è più. Non solo chi è nato e cresciuto tra Vico Equense e Massa Lubrense, ma l’Italia intera attendeva che arrivasse questo giorno, come testimonia il messaggio del ministro dell’Ambiente Galletti al sindaco Gennaro Cinque.

Le istituzioni sono compiaciute ed i cittadini festeggiano, come è giusto che sia. Anche se tutta questa vicenda lascia aperto almeno un interrogativo: “Bisognava attendere mezzo secolo e la venuta di un assessore illuminato a Vico Equense (il riferimento è ovviamente ad Antonio Elefante) perchè si capisse che quel mostro di cemento era abusivo e poteva essere demolito senza scendere a compromessi?”.