Capri Watch fashion & Accessories

Più alberi ed un pergolato tipico per l’agrumeto del Museo Correale di Sorrento

museo-correale-sorrento-23

SORRENTO. Al Museo Correale partono i lavori per la realizzazione del pergolato tipico sorrentino e per la riqualificazione del versante della struttura che affaccia su via Rota. Gli interventi sono finalizzati alla realizzazione di 3mila metri quadri di pergolato e 100 metri lineari di frangivento. Il capitolato dei lavori prevede, poi, che all’interno dell’area interessata vengano impiantate nuove essenze arboree accanto a quelle esistenti.

Eseguiti sotto la direzione dell’agronomo Tullio Esposito, i lavori sono stati finanziati dal Comune di Sorrento per 70mila euro a cui va aggiunta un’ulteriore somma stanziata direttamente dall’ente museale: “Stiamo curando ogni aspetto – spiega il presidente del Museo Correale Gaetano Mauro – procedendo a ritmo serrato sulle varie tipologie di intervento. Per la conservazione e valorizzazione dei beni museali, infatti, abbiamo avviato il progetto “Adotta un’opera” e per i giardini del parco stiamo studiando migliorie al fine di rendere più gradevole la passeggiata che conduce al terrazzo belvedere. Le politiche finanziarie e commerciali sono tutte rivolte a rendere il Museo Correale un’eccellenza non solo della penisola sorrentina, ma dell’intero Meridione”.

Il termine dei lavori – che saranno eseguiti sotto il controllo del direttore del Museo Correale, l’architetto Filippo Merola – è fissato per inizio primavera. L’obiettivo successivo da raggiungere è la sistemazione dell’intero giardino della proprietà e la creazione di un orto botanico, in modo da incrementare l’offerta museale e creare un polo attrattivo sempre più importante per turisti e residenti.

“Questa iniziativa – dichiara Giuseppe Cuomo, sindaco del Comune di Sorrento che ha stanziato il contributo straordinario per il Museo – giunge a ridosso dell’approvazione, da parte del Senato, della legge per la salvaguardia degli agrumeti caratteristici. L’augurio è che, sull’esempio del Museo Correale, anche i privati vengano sollecitati ad adottare soluzioni in grado di incidere sulla conservazione del nostro paesaggio”.