Capri Watch fashion & Accessories

Molestano sacerdote di Sorrento, imposta misura cautelare

polizia-sorrento-11

Nel pomeriggio del 7 dicembre personale del commissariato di Sorrento ha dato esecuzione ad un’ordinanza cautelare del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa emessa dal Gip del Tribunale di Torre Annunziata su richiesta della locale Procura. Destinatari del provvedimento due sessantenni di Sant’Agnello, D.G.P. e Q.M., ritenuti responsabili di aver perseguitato, da molti anni, il sacerdote di una parrocchia di Sorrento.

Le indagini degli agenti del vice questore Nicola Donadio hanno consentito di accertare che i due, con cadenza periodica, esponevano all’esterno della parrocchia cartelli e striscioni offensivi nei confronti del parroco, turbando anche l’esercizio delle funzioni religiose. Il sacerdote, secondo i due, sarebbe responsabile di aver avuto un ruolo determinante nella perdita della concessione della loro attività economica che si svolgeva su un immobile di proprietà della Curia. È stato anche accertato che inviavano al prete messaggi offensivi e minacce via Whatsapp ed attraverso lettere.

I due in passato avevano attuato analoghe proteste all’esterno del palazzo arcivescovile di Sorrento e per questo sono già stati condannati per molestie nei confronti del vescovo deceduto nei mesi scorsi, Felice Cece. La vicenda è quella del campo di calcio di San Martino, a Sant’Agnello. Ora per entrambi è scattato il divieto di avvicinamento al sacerdote, alla sua abitazione ed alla chiesa del centro di Sorrento dove è parroco, luoghi dai quali dovranno mantenere una distanza di almeno 500 metri.