Capri Watch fashion & Accessories

Le parole senza senso dell’ex sindaco di Vico Equense

municipio-vico-equense-22

“Ritengo che sia stato sbagliato intitolare la principale piazza della città a Giancarlo Siani perché in tal modo diamo l’immagine di una città legata alla camorra, cosa che non è vera”. Lo ha detto in un’intervista radiofonica per parlare del voto a Vico Equense, Benedetto Migliaccio, avvocato, che ha amministrato il Comune della costiera tra il 2015 e il 2016 come sindaco facente funzioni in una coalizione di centrodestra, subentrando a Gennaro Cinque quando questi è decaduto dalla carica per incompatibilità.

Parole senza senso pronunciate, evidentemente, allo scopo di accendere sulla propria persona i riflettori dopo essere caduto nell’oblio. Esternazione che ha provocato dure prese di posizione a Vico Equense, con tutti i candidati sindaci che hanno preso le distanze, insieme alla totalità della popolazione. Però qualcosa di buono Migliaccio l’ha fatto: ha dimostrato ai 4 aspiranti sindaci di Vico Equense ed a tutti quelli che si preparano ad amministrare le città italiane come non deve essere un primo cittadino, una persona che parla senza riflettere su ciò che dice.

Per rispondere a Migliaccio abbiamo raccolto il pensiero di Antonino Pane, ex redattore capo de Il Mattino che con Giancarlo Siani ha condiviso la scrivania quando il quotidiano aveva la redazione a Castellammare di Stabia.

“Poteva tacere l’ex sindaco…. Migliaccio e restare nella sua anonimità. Invece ha preferito parlare e ha portato Vico Equense al centro di una polemica che la città e i cittadini non meritano. Giancarlo Siani dovrebbe avere strade e piazze intitolate in tutto il mondo perché i simboli sono necessari ai grandi per pensare ai piccoli ed aiutarli a crescere guardando al bene. Insomma Migliaccio l’ha fatta fuori dal vaso. C’è solo da capire se era sobrio quando ha esternato”.

Scarica l’app SorrentoPress per rimanere sempre aggiornato
Download on app storeDisponibile su Google Play