La sentenza: Anas deve rimborsare al Comune di Piano di Sorrento i costi di manutenzione della 145

via-dei-platani-piano-sorrento

L’Anas tenuta a versare 340mila euro al Comune di Piano di Sorrento. Lo ha stabilito il Tribunale di Torre Annunziata al quale l’azienda che cura le strade italiane si era rivolta per chiedere l’annullamento del decreto ingiuntivo ottenuto dall’amministrazione della Costiera per indennità non versate. La società, che fa parte dal 2018 del gruppo delle Ferrovie dello Stato, potrebbe ora vedersi costretta a rimborsare anche altri enti locali delle somme utilizzate per la manutenzione di tratti di ex strade statali.

La vicenda, in merito alla quale, è bene chiarirlo, è arrivata solo una pronuncia di primo grado del giudice ordinario e non è detto che non ci sia un appello, riguarda la SS145 “Sorrentina”. In particolare il tratto che attraversa il territorio comunale di Piano di Sorrento: via dei Platani ed una parte del corso Italia fino ai confini con Meta e Sant’Agnello. In totale 1.530 metri di strada tra il km 23,120 ed il km 24,650 e solo la parte sinistra della carreggiata tra il km 24,125 ed il km 24,650.

Lingue di asfalto che il 17 ottobre del 2001 sono state consegnate dall’Anas al Comune di Piano di Sorrento. L’ente di piazza Cota si accollava così le spese di manutenzione e gestione dei tratti della statale 145, ma al tempo stesso l’Azienda nazionale autonoma delle strade, come riportato nel verbale di consegna, avrebbe riconosciuto al Comune le indennità previste dagli articoli 41 della legge 2248 del 1865 e 4 della legge 59 del 1961 per la “buona conservazione del piano viabile”.

Successivamente, tra gli anni 2006-2007 e poi nel periodo 2011-2012, il Comune ha provveduto ad eseguire interventi di manutenzione stradale. Ha quindi chiesto il versamento di quanto dovuto all’Anas, che si è rifiutata di adempiere tanto che nel 2018 l’amministrazione della Costiera ha ottenuto dal tribunale di Torre Annunziata l’emissione del decreto ingiuntivo per circa 335mila euro contro il quale l’azienda ha promosso ricorso.

Ora è arrivata la sentenza con la quale il giudice respinge tutte le eccezioni sollevate dai legali di Anas. In particolare si evidenzia che, al contrario di quanto sostenuto dalla società, non è intervenuta la prescrizione del diritto all’indennità da parte del Comune poiché non sono trascorsi i 10 anni dal collaudo delle opere avvenuto nel 2012. Allo stesso tempo l’entrata in vigore del Nuovo codice della strada non va a modificare gli accordi previsti nel verbale di consegna dei tratti di strada, anche per quanto riguarda il requisito demografico relativo ad una popolazione nel Comune superiore ai 10mila abitanti.

Gli avvocati di Anas avevano anche sollevato dubbi sui costi di manutenzione sostenuti, ma il consulente tecnico nominato dal tribunale di Torre Annunziata ha rilevato che fanno riferimento alle certificazioni presentate dal Comune e che sono ritenuti “congrui”. Tra l’altro, a riguardo, il giudice osserva che “essendo stati emessi certificati di collaudo e regolare esecuzione dei lavori, questi ultimi si intendono definitivamente accettati senza riserve”. Pertanto l’azienda deve rimborsare al Comune i costi sostenuti, oltre alle spese legali, in totale circa 340mila euro.

“Questa sentenza – osserva l’assessore ai Lavori pubblici di Piano di Sorrento, Anna Iaccarino – potrebbe consentire all’Ente di ottenere il rimborso dei lavori manutentivi stradali dei tratti della statale anche eseguiti successivamente e pagati ancora dal nostro Comune. In ogni caso si tenterà di capire se è volontà di Anas raggiungere una intesa senza arrivare ad ulteriori appelli o dare corso ad esecuzioni da parte del Comune. Abbiamo già avuto un primo approccio con i vertici aziendali per capire come intendono procedere”.

Fatto sta che la pronuncia del tribunale di Torre Annunziata potrebbe ora creare un precedente cui fare riferimento anche per altri contenziosi tra amministrazioni pubbliche e Anas in merito alla manutenzione stradale.

Articolo del nostro direttore pubblicato su Il Mattino

Scarica l’app SorrentoPress per rimanere sempre aggiornato
Download on app storeDisponibile su Google Play