Capri Watch fashion & Accessories

La Farnesina: Attenzione per i viaggi all’estero

La risalita dei contagi spinti dalla variante Delta potrebbe trasformare le vacanze estive di molti in un calvario, soprattutto se ci si trova in un Paese estero. Se ci si dovesse ammalare di Covid fuori dai confini nazionali, in nessun caso si potrebbe tornare in Italia ma bisognerebbe sottostare all’obbligo di quarantena secondo le disposizioni previste dal Paese in cui ci si trova. Chiusi in casa o in albergo – con le spese di vitto e alloggio a proprio carico – o nei casi peggiori ricoverati in ospedale.

È comunque importante ricordare che la Tessera Sanitaria che ciascuno di noi ha, garantisce a tutti l’assicurazione sanitaria nei Paesi dell’Unione europea e quindi si viene curati con gli stessi standard e gratuità che si avrebbero in Italia, anche se in alcuni casi bisogna pagare un ticket sui medicinali o sulle prestazioni.

In ogni caso, per evitare problemi, soprattutto alla luce degli aumenti dei casi di infezione che colpiscono italiani in viaggio di piacere che non possono rimpatriare, il ministero degli Esteri, ha deciso di intervenire con una nota. “Ogni spostamento può comportare un rischio di carattere sanitario – spiegano dalla Farnesina – nel caso in cui si risultasse positivi al test per il Covid-19 o anche solo se si è stati a contatto con una persona positiva, vanno seguite le norme disposte dalle autorità locali”.

Ciò significa che se mentre si è in vacanza si incrocia una persona positiva, con il tracciamento del contagiato si potrebbe essere costretti a sottoporsi a un tampone e ad un periodo di isolamento. Ma soprattutto bisogna tenere in conto che potrebbe essere “necessario sottoporsi ad un test molecolare o antigenico per l’ingresso in Italia o per il rientro nel nostro Paese da una destinazione estera” per cui “i viaggiatori devono prendere in considerazione la possibilità che il test dia un risultato positivo”.

A quel punto infatti non c’è Green Pass che tenga, bisognerà prolungare il soggiorno. Per questo la Farnesina “raccomanda di pianificare con massima attenzione ogni aspetto del viaggio, contemplando anche la possibilità di dover trascorrere un periodo aggiuntivo all’estero, nonché di dotarsi di un’assicurazione sanitaria che copra anche i rischi connessi al Covid”.