Capri Watch - Fashion Accessories

Violenza sulla turista a Meta, l’accusa chiede condanne a 9 anni per gli imputati

violenza-sessuale-sorrento

Al processo per il presunto stupro delle turista britannica ieri è stato il giorno delle richieste di condanna da parte dell’accusa per i cinque ex dipendenti dell’hotel Alimuri: nove anni. Il pm ritiene che la violenza sessuale di gruppo sulla 50enne avvenne grazie all’uso della cosiddetta droga dello stupro e per questo chiede la condanna per Antonino Miniero, Raffaele Regio, Gennaro Davide Gargiulo, Francesco Ciro D’Antonio e Fabio De Virgilio, barman e camerieri dell’albergo dove si sarebbe consumata la violenza sessuale di gruppo ai danni della donna residente in Inghilterra.

Secondo il pubblico ministero “la vittima è credibile, il suo racconto è stato coerente e lineare” in merito ai fatti accaduti la notte tra il 6 ed il 7 ottobre del 2016. La turista, il giorno dopo, rientrata nel Regno Unito con la figlia, presentò formale denuncia alla polizia inglese per poi essere sottoposta a visite mediche ed analisi, anche se erano ormai trascorse 38 ore dall’accaduto.

Proprio i test hanno rappresentato terreno di scontro tra accusa e difesa tanto da spingere il tribunale a commissionare una nuova perizia su alcuni campioni dalla quale sarebbe emerso che non esiste la certezza scientifica che alla 50enne siano state somministrate anche droghe, insieme ai drink alcolici consumati consapevolmente.

La nuova udienza del processo è in programma tra due settimane quando la parola passerà alle difese degli imputati, dopodiché sarà pronunciata la sentenza.