A Vico è guerra contro le pedane dei bar

VicoEquenseMunicipio

VICO EQUENSE. Marciapiedi sacrificati per fare posto alle pedane dei bar. Negli ultimi tempi si sono moltiplicate le proteste dei cittadini contro una situazione giudicata da molti insostenibile. Per questo sono giunte diverse segnalazioni al Comune di Vico Equense. Ma il vero tam-tam delle polemiche corre attraverso i social network. “Il Comune deve fare cassa a tutti i costi, senza badare al contegno di un paese (ex turistico) dai connotati attuali molto vicini ai borghi caotici centroamericani”, si legge sul gruppo Facebook “StopScempi”.

Una vicenda in merito alla quale interviene anche l’opposizione in Consiglio comunale. “La situazione che si è creata nei pressi della storica casa comunale è vergognosa – afferma Natale Maresca, consigliere della lista In movimento per Vico –. All’esterno di una pizzeria è stata montata una pedana, munita di copertura, che ha ridotto il marciapiede, già rovinato dai lavori infiniti per il cinema, ad una striscia. Non ci sono linee guida per un decoro urbano”.

Rimostranze che hanno spinto l’amministrazione a dotarsi di un apposito regolamento. Al momento sono 5 le pedane sistemate nel centro cittadino di Vico Equense. Di queste solo una possiede l’autorizzazione edilizia con parere favorevole della Soprintendenza. Le altre, essendo temporanee, non necessitano del parere ambientale.

“Abbiamo concesso il nulla osta per l’occupazione di suolo pubblico nei casi in cui sono stati rispettati i criteri previsti dal Codice della Strada e dal regolamento comunale – spiega il comandante della polizia municipale Ferdinando De Martino -. Altro discorso è quello della copertura. La norma prevede che le sovrastrutture temporanee siano consentite anche senza richiedere il nulla osta alla Soprintendenza, a condizione che la loro permanenza non superi i 90 giorni”.

I titolari delle attività commerciali, quindi, sono in regola e non hanno commesso alcuna infrazione. “Anche se la norma lo consente, questo atteggiamento non va bene – afferma l’assessore all’Urbanistica, Antonio Elefante –. Stiamo lavorando sul regolamento comunale aggiungendo dei vincoli che possano evitare fenomeni di questo tipo. È necessario curare il decoro urbano e stabilire dei criteri, ne va dell’immagine di Vico Equense”.