Capri Watch fashion & Accessories

Vaccinazioni, i ritardi dell’Asl Napoli 3 Sud

primo-vaccinato-massa-1

La campagna vaccinale va avanti tra alti e bassi. I tre centri della costiera sorrentina continuano a garantire le somministrazioni a quanti hanno aderito attraverso la piattaforma regionale, anche se si registrano ritardi – comuni a tutta l’Asl Napoli 3 Sud – rispetto alla media della Campania. Al momento le dosi di siero possono essere iniettate a chi ha oltre 50 anni, a disabili, fragili, ospiti delle rsa, caregiver, forze dell’ordine, personale scolastico e sanitario. Le uniche categorie che hanno modo di accedere al portale.

Ebbene dai dati aggiornati a ieri diffusi dall’Azienda sanitaria competente per territorio emerge che gli over 80 vaccinati (prima dose) sono l’84,95% del totale di quanti hanno aderito. Nel conteggio sono inclusi anche coloro che attendono il vaccino a domicilio perché non deambulanti. A livello regionale, invece, i due numeri sono stati scissi. È così che – sempre a ieri – si arriva al 100% degli over 80 ed al 55,80% per i non deambulanti.

Il confronto diventa più chiaro quando si passa alla fascia di età 70-79 anni. In questo caso nell’Asl Napoli 3 Sud siamo fermi al 51,85% contro il 70,44% della media della Campania. Per i 60-69enni siamo al 18,48% a fronte di un dato regionale del 36,35%. Altro dato che è possibile confrontare tra le due tabelle è quello dei cosiddetti “fragili”. In questo caso nell’ambito dell’Asl Napoli 3 Sud la percentuale è del 59,99% mentre quella regionale arriva al 71,27%.

Per le altre categorie si rilevano disparità nelle modalità di adesione o nel raggruppare chi ha richiesto la somministrazione per cui non risulta possibile effettuare confronti. Fatto sta che dai numeri emerge come l’Asl Napoli 3 Sud sia indietro rispetto alla media regionale.