Capri Watch fashion & Accessories

Vaccinazione in costiera sorrentina: Rispettate gli appuntamenti

primo-vaccinato-massa-1

“Se vi siete prenotati sul portale regionale e vi convocano per la vaccinazione dovete presentarvi all’ora e nel posto indicato altrimenti ci sono anziani che saranno costretti ad andare via per tornare in un altro momento con tutti i disagi che ciò comporta”. È l’appello lanciato dal sindaco di Vico Equense, Andrea Buonocore, che parla anche a nome dei suoi colleghi della penisola sorrentina dove, da mercoledì scorso, è partita la somministrazione agli ultraottantenni nei tre siti messi a disposizione dalle amministrazioni che si sono fatte carico anche dei costi: residenza Cerulli per gli over 80 di Massa Lubrense, Villa Fondi per quelli di Sorrento, Sant’Agnello, Piano di Sorrento e Meta e l’ospedale De Luca e Rossano per gli anziani di Vico Equense.

Nel primo giorno sono 150 le persone che hanno ricevuto la dose e per le quali è previsto il richiamo tra 21 giorni. In realtà dovevano essere 168, ma alcuni sono stati costretti a tornare a casa senza che i medici potessero iniettare loro il vaccino. Ciò perché ogni fiala contiene 6 dosi da distribuire tra altrettanti ultraottantenni. Se non sono presenti le 6 persone da vaccinare il contenitore non può essere aperto altrimenti quelle in eccedenza dovrebbero poi essere distrutte.

Per questo in ciascuno dei punti vaccinali della penisola sorrentina sono previste somministrazioni quotidiane sempre per multipli di 6: 48 alla residenza Cerulli e 60 tanto a Villa Fondi quanto all’ospedale di Vico Equense. E mercoledì, visto che alcuni anziani non si sono presentati, gli ultimi tra quelli che hanno rispettato l’appuntamento non hanno potuto ricevere la dose assegnata. Al De Luca e Rossano, ad esempio, nel primo giorno questo è successo a due persone visto che in quattro non si sono presentati. In realtà qualcuno lamenta che la convocazione arriva solo via mail ed il giorno prima, per cui se finisce nella cartella dello spam – come accaduto in qualche caso – si rischia di non vederla in tempo.

“Nel caso si verifichino condizioni che impongono l’impossibilità a raggiungere il centro indicato – spiega il sindaco Buonocore – basta comunicarlo all’Asl alla mail relazionipubbliche@aslnapoli3sud.it con i propri dati in modo da far scorrere la lista e consentire di convocare altre persone”. Allo stesso tempo si invita chi non ha difficoltà di deambulazione a presentarsi ai punti vaccinali e non chiedere la somministrazione domiciliare che, comunque, partirà solo dopo la conclusione della campagna dedicata al personale scolastico. “Di sicuro non si comincerà prima del 15 marzo – conclude il sindaco di Vico Equense – ma tenendo conto della vastità del nostro territorio che copre oltre 30 kmq, raccomandiamo di evitare di chiedere la vaccinazione a casa”. Discorso che vale per l’intera costiera caratterizzata anche dalla presenza di abitazioni in zone difficili da raggiungere per le equipe mediche dell’Asl.

Infine l’appello a raggiungere i punti vaccinali non con eccessivo anticipo rispetto all’orario di convocazione per evitare inutili sovraffollamenti e rischi di assembramenti.