Capri Watch fashion & Accessories

Turisti rimasti fuori dagli Scavi di Pompei, Eav corre ai ripari

carabinieri-pompei-scavi

La questione è esplosa domenica scorsa quando un numeroso gruppo di turisti, che aveva regolarmente prenotato la visita, è rimasto fuori dai cancelli degli Scavi di Pompei. Attraverso il portale internet dedicato avevano optato per la fascia oraria mattutina, quella con ingresso alle 9. Ma non avevano fatto i conti con la gestione delle corse dei treni dell’Eav. Infatti, il sabato, la domenica e nei giorni festivi, il primo convoglio della Circumvesuviana con partenza da Napoli che ferma a Pompei arriva alla stazione di Villa dei Misteri solo alle 10:17. Poi bisogna percorrere altri due chilometri a piedi prima di raggiungere gli ingressi del sito archeologico. E questo significa che prima delle 11 è difficile trovarsi sul posto.

Ed è quanto accaduto domenica ad un gruppo di turisti che, partiti da Napoli, quando sono arrivati a Porta Anfiteatro si sono sentiti dire dagli addetti che non potevano entrare perché la loro prenotazione era per le 9. Situazione che ha riscaldato gli animi tanto che si è reso necessario l’intervento delle forze dell’ordine. Turisti arrabbiati e costretti ad andare via senza visitare gli Scavi. Ora, però, l’Eav tenta di correre ai ripari. Dal prossimo fine settimana il treno delle 8:13 da Napoli fermerà a Villa dei Misteri alle 8,37 in modo che i turisti abbiano il tempo di arrivare per le 9 all’ingresso del sito.

Il piano elaborato dall’azienda per i mesi estivi riduce drasticamente le fermate della fascia mattutina ha lo scopo di conciliare le esigenze di distanziamento per l’emergenza Covid evitando anche l’assalto alle città della costiera sorrentina da parte dei bagnanti fuori porta ed al tempo stesso garantire i collegamenti tra Napoli e Sorrento. “Siamo dispiaciuti per l’inconveniente occorso ai visitatori provenienti da Roma – fa sapere il presidente Eav Umberto De Gregorio -. Tuttavia i nostri orari sono pubblici e facilmente consultabili anche in rete. Forse una migliore organizzazione del viaggio avrebbe accertato sia il vincolo di prenotazione agli orari di visita del parco, sia il miglior modo di arrivare per tempo all’appuntamento. Speriamo di riaverli presto in Campania e di offrire loro il miglior servizio possibile”.