Tumore alla tiroide: a Vico l’incontro volto alla prevenzione

TIROIDE-213x300

VICO EQUENSE. Si terrà Lunedì 15 Dicembre alle ore 17.30 l’incontro organizzato dall’associazione In-formazione sulla prevenzione e la cura del tumore alla tiroide dal titolo “Tumore alla tiroide. Parliamone”, presso la sede do Forza Italia a Vico Equense.
L’evento, organizzato in occasione del mese della prevenzione del cancro alla tiroide, si aprirà con l’intervento della dottoressa nonché consigliere regionale della Campania Flora Beneduce a cui seguirà l’intervento del dottor Giovanni Battista Ghidella, endocrinologo degli Ospedali riuniti della Penisola.
Lo scopo principale dell’incontro sarà quello di informare ed istruire la cittadinanza soprattutto in merito alla prevenzione: il semplice utilizzo giornaliero di sale iodato nell’alimentazione aiuta a prevenire la formazione del gozzo e dei noduli e sarebbe procedura corretta da parte di ogni medico palpare la tiroide durante una visita. Passando poi tramite un excursus di sintomi, ci si soffermerà sulle cure che sono previste per la malattia.
“Lo scopo di questo incontro, organizzato in occasione del mese di prevenzione del cancro alla tiroide, risiede nell’aprirsi alla cittadinanza per conoscere e prevenire un tumore, la cui incidenza si sta moltiplicando in modo esponenziale, dal momento che, negli ultimi venti anni, la sua frequenza è passata dai 7-8 casi per 100mila abitanti a quasi i 20 per 100mila – spiega l’onorevole Flora Beneduce – . L’aumento riguarda però principalmente i cosiddetti microcarcinomi, formazioni neoplasiche con diametro inferiore a un centimetro, che sono più facilmente curabili e spesso non richiedono l’asportazione totale della tiroide ma solo la lobectomia, cioè di uno dei due lobi di cui è composta la ghiandola. La sopravvivenza è molto alta: oltre il 90% a 20 anni dalla diagnosi. Attraverso diapositive e slide,guidati da un team di oncologi, si discuterà dei fattori di rischio,
dall’appartenenza di genere (le donne sono le più colpite, con un rapporto di 4 a 1 rispetto agli uomini), la familiarità e l’esposizione a radiazioni ionizzanti nella regione del collo”.
Un’occasione per la cittadinanza di Vico e non solo che si colloca in quel processo di diffusione della conoscenza di cui la dottoressa Beneduce è portavoce e sostenitrice tramite la promozione di questi ed altri tipi di incontri per migliorare la vita dei cittadini della penisola sorrentina.