Capri Watch, fashion accessories

Si chiude l’Erasmus del Parco di Punta Campanella

progetto-mare-5

MASSA LUBRENSE. Sono stati 9 mesi nel Parco marino di Punta Campanella per vivere un’esperienza unica a contatto con la natura e le comunità locali. Sei ragazzi provenienti da Portogallo, Lettonia, Francia, Tunisia e Lussemburgo hanno preso parte al Project Mare, un progetto finanziato dal programma Erasmus+ nell’ambito dello Sve, Servizio Volontario Europeo. Sono 5 anni che l’Area marina protetta di Punta Campanella partecipa al Project Mare. 31 i volontari provenienti da 10 diversi Paesi che sono stati ospitati dal Parco in questi anni.

Tante le attività che i volontari – alcuni alla loro prima esperienza lavorativa e alla prima visita in Italia – hanno svolto, coordinati da Domenico Sgambati, responsabile del progetto per l’Area marina di Punta Campanella. Presidio e monitoraggio nella Baia di Ieranto a bordo di canoe. Progetti di educazione ambientale nelle scuole con il Cea Punta Campanella, la Pro Loco di Massa e la Capitaneria di Porto. E ancora, rimozione di una gran quantità di rifiuti dalle spiagge e dal mare. Informazione sulle regole del Parco a diportisti e turisti.

Una serie di attività fondamentali per l’Area marina e che hanno offerto ai ragazzi stranieri la possibilità di imparare lingua e cultura italiana, oltre a praticare sport come kayak e snorkeling ed a conoscere la vita sottomarina del mare di Punta Campanella. Un’esperienza che lascia il segno, visto che ogni anno alcuni “vecchi” volontari ritornano a Massa Lubrense per rivivere le stesse emozioni.

È il caso di Alvaro che si è iscritto all’Università di Napoli per studiare Biologia Marina o di Nuria che ha lavorato quest’anno a Massa Lubrense come mentor del Project Mare e come guida per escursioni in kayak e snorkeling. “È un progetto molto interessante che portiamo avanti da diversi anni – dichiara Michele Giustiniani, Presidente dell’Area marina protetta di Punta Campanella -. I ragazzi portano entusiasmo, ci danno una mano ma soprattutto l’opportunità di uno scambio culturale con la comunità locale. In molti tornano a trovarci perchè incantati dalla penisola sorrentina, dal nostro mare e dalle persone che hanno trovato e incontrato qui”.

I saluti finali per quest’anno ci saranno venerdì 1 dicembre nella biblioteca comunale di Piano di Sorrento. Saranno presentati i lavori e le attività svolte in questi 9 mesi. Poi in primavera i nuovi arrivi per una nuova stagione di volontariato internazionale.