Polemiche e denunce per le luci natalizie a Meta

luminarie-meta

META. “Com’è possibile che il montaggio delle luminarie natalizie sia stato autorizzato con la gara ancora aperta?”. Il gruppo di opposizione Meta Comune attacca il sindaco Giuseppe Tito con un’interrogazione a risposta scritta ed al tempo stesso presenta un esposto alla Procura della Repubblica di Torre Annunziata. Gli esponenti della minoranza vogliono vederci chiaro sulle luci di Natale, allestite nel centro storico del paese e nella frazione di Alberi e poi smontate dopo appena 48 ore.

Secondo i rappresentanti di Meta Comune, il montaggio è illegittimo in quanto avvenuto in un momento in cui la gara d’appalto è ancora in corso. Una determina del funzionario responsabile dei Lavori pubblici, infatti, stabilisce che le ditte interessate a installare le luminarie devono presentare le rispettive offerte entro il 3 novembre e che la procedura di aggiudicazione avrà luogo il 5 novembre. “Il montaggio è avvenuto prima dell’aggiudicazione dell’appalto – affermano i consiglieri di Meta Comune – senza dimenticare che le strutture lasciate in giro dopo lo smontaggio sono pericolose”. Ecco perché la vicenda è stata segnalata anche alla Procura e alle forze dell’ordine.

La risposta del sindaco Tito non si è fatta attendere: “Ho disposto l’apertura di un’indagine interna per fare chiarezza sulla vicenda, dall’opposizione solo critiche strumentali”. Per l’installazione delle luminarie natalizie, il Comune ha predisposto un progetto dal costo di 63mila euro: battuto il record dell’ex sindaco Paolo Trapani che nel 2009, al suo primo anno di mandato, stanziò per le luci di Natale ben 55mila euro.