Capri Watch fashion & Accessories

Palloncini e lanterne cinesi, appello de La Grande Onda ai sindaci della costiera sorrentina perché li vietino

lanterne-cinesi

“Sempre più spesso i canali di informazione riportano notizie di manifestazioni, eventi, celebrazioni e commemorazioni di vario genere, terminati con il lancio di grappoli di palloncini colorati”. È quanto si legge nella lettera inviata dall’Associazione ambientalista La Grande Onda ai sindaci della penisola sorrentina. “Se, da una parte, – continuano dal sodalizio guidato da Laura Cuomo – il rilascio di palloncini gonfiati ad elio rappresenta un modo per enfatizzare l’evento celebrato, dall’altra, questi stessi palloncini rischiano di compromettere pericolosamente l’equilibrio del nostro ecosistema. Il lattice e la plastica di cui sono composti, ritornano inevitabilmente sulla terraferma ed in mare.

Cetacei, pesci, tartarughe e uccelli marini vengono attratti da tali oggetti che vengono scambiati per cibo o ingoiati inavvertitamente, condannandoli a morte. Inoltre, i resti dei palloncini, ad esempio i cordini, possono impigliarsi negli arti e nelle pinne, danneggiando gli animali anche in questo caso. Anche quelli realizzati in lattice biodegradabile, pur impiegando un tempo minore per la degradazione, permangono a sufficienza nell’ambiente per rappresentare un serio rischio per la fauna (il lattice biodegradabile impiega almeno 4 anni per una sua completa scomparsa dall’ambiente).

Stesso discorso – aggiungono da La Grande Onda – vale anche per le lanterne cinesi, che oltre ad essere realizzate con parti in plastica e ferro, sono dei piccoli e pericolosi fuochi fuori controllo. In considerazione dell’inquinamento e del pericolo che i palloncini rappresentano per l’ambiente, i lanci sono già stati vietati in molti luoghi negli Stati Uniti, in Canada, in Inghilterra, in Australia. E grazie al coraggio di alcuni primi cittadini, anche in alcuni Comuni italiani.

In questo momento, in cui il futuro dell’ambiente è nelle mani di ognuno di noi, il vero regalo che possiamo aspettarci non è un cielo colorato di palloncini o di lanterne cinesi, ma una chiara spiegazione del perché è saggio evitarli. Auspichiamo che anche i Comuni di questo territorio – l’appello dell’associazione ai sindaci – accelerino il loro ruolo di guida al rispetto ambientale, esprimendo un chiaro dissenso, se non una vera e propria proibizione, verso questo uso tanto inutile, quanto pericoloso”.