Movida sicura, controlli in strada e nei locali

Etilometro carabinieri

SORRENTO. Durante la scorsa notte i carabinieri della compagnia di Sorrento hanno eseguito, come di consueto, un servizio di controllo del territorio della penisola finalizzato alla tutela della movida sicura. L’obiettivo resta sempre quello di prevenire comportamenti illeciti o violenti, spesso conseguenti all’abuso di bevande alcoliche da parte dei giovani e per evitare che persone, sempre sotto l’effetto dell’alcol o di stupefacenti, possano mettersi alla guida al termine della serata passata nei locali di ritrovo giovanile della zona.

Il bilancio è di quattro persone denunciate. Si tratta di due 25enni di Striano e Volla, sorpresi alla guida delle proprie autovetture in stato di ebbrezza verificato tramite etilometro (tassi pari a 1,81 e 1,24, tenuto conto che il limite è 0,5) e conseguente ritiro della patente per entrambi. Deferita anche una 20enne di Castellammare di Stabia per guida senza patente perché mai conseguita, così come è di Castellammare di Stabia, anche un 41enne denunciato per guida senza patente perché revocata, fermato a bordo di un motociclo privo anche dell’assicurazione e, quindi, sottoposto a sequestro amministrativo.

Nel corso della notte, inoltre, sono stati controllati 35 veicoli, identificate 81 persone, elevate 6 contravvenzioni al Codice della Strada con sanzioni per un totale di circa 1.100 euro, ritirate 2 patenti di guida per guida in stato di ebbrezza, ritirata una carta di circolazione per mancanza del certificato assicurativo, sottoposto a sequestro amministrativo un motociclo per assenza del certificato assicurativo.

Infine, con il supporto dei carabinieri del Nas di Napoli, nonché del personale della Siae e della Direzione Provinciale del Lavoro di Napoli, i militari della compagnia di Sorrento hanno eseguito controlli in materia sanitaria, amministrativa e del lavoro presso una discoteca della penisola, riscontrando due violazioni amministrative in materia sanitaria, con l’imposizione di prescrizioni obbligatorie entro il termine di 20 giorni.