Morte di Catello Donnarumma, aperta un’inchiesta

catello-donnarumma

VICO EQUENSE. La Procura della Repubblica ha aperto un fascicolo per fare luce sul decesso di Catello Donnarumma, il 26enne di Vico Equense morto giovedì scorso per in postumi di un incidente stradale in cui è rimasto coinvolto due giorni prima. Nel registro degli indagati è stato iscritto un 44enne di Olevano sul Tusciano a carico del quale il pm ipotizza il reato di omicidio colposo. Domani alle 12 lo stesso magistrato provvederà alla nomina del medico legale chiamato ad eseguire l’autopsia sulla salma del giovane.

Martedì scorso Catello Donnarumma stava percorrendo in sella al suo scooter via Raffaele Bosco in direzione del centro cittadino di Vico Equense, quando si è scontrato con una Fiat Panda che procedeva in direzione opposta. Il suo corpo è stato sbalzato verso l’altro lato della carreggiata. All’arrivo all’ospedale “De Luca e Rossano” il 26enne era ancora vivo, ma aveva perso conoscenza. Poi il trasferimento urgente al “Loreto Mare” di Napoli, dove i medici gli hanno riscontrato diversi traumi ed anche un’edema cerebrale. Alla fine, dopo due giorni di agonia, si è spento.