Mare pulito, ci pensa il battello del Parco Marino

spazzamare1

SORRENTO. Lo spazzamare in dotazione all’Area Marina protetta di Punta Campanella provvederà a garantire la pulizia delle acque lungo la linea di costa cittadina. L’accordo tra il Comune di Sorrento ed il consorzio di gestione del Parco prevede che il natante si occupi del servizio di rimozione dei detriti e degli agenti inquinanti dal tratto di mare antistante il litorale della città del Tasso, da Marina di Puolo fino alla Marinella, nel raggio di 200 metri dalla linea di costa.

Gli interventi saranno eseguiti con una cadenza di sei a settimana ed avranno la durata di 8 ore ciascuno, di cui almeno 6 in navigazione. Solo per il mese di settembre prevista la riduzione delle operazioni di pulizia a 4 attività settimanali, sempre con i medesimi vincoli orari. Inoltre, in caso di necessità, è prevista la possibilità di effettuare operazioni di bonifica di urgenza delle acque in caso di richiesta da parte della Capitaneria di Porto.

Il contratto tra l’amministrazione comunale di Sorrento e l’Area Marina di Punta Campanella scadrà il prossimo 30 settembre, abbracciando, quindi, l’intero periodo della stagione balneare. La convenzione stabilisce che in cambio del servizio il consorzio di gestione del Parco percepirà in totale 28mila euro, facendosi carico, però, delle spese relative al personale e di quelle per l’uso e la manutenzione del battello spazzamare.

“L’accordo – sottolinea il sindaco Giuseppe Cuomo – si è reso necessario in quanto nel periodo estivo la persistente sfavorevole situazione delle correnti convoglia e spinge materiali di vario genere lungo la linea della prima fascia costiera a ridosso delle spiagge del nostro territorio. Per garantire, quindi, la salute e l’incolumità dei bagnanti abbiamo deciso di attivare il servizio dello spazzamare”.

E’ superfluo precisare che il battello opera la rimozione dei materiali che si trovano in mare, ma certamente non dei batteri che stanno creando problemi in alcune parti del territorio cittadino. Su quel fronte gli interventi riguardano soprattutto il controllo ed il blocco degli scarichi illeciti. Attività condotta via terra dalla polizia municipale, dai sanitari e dai tecnici del Comune e della Gori.